11 alimenti estivi da non dare mai al cane

Alimenti estivi da non dare mai al cane
Dal gelato alle ossa friabili, dall’avocado all’uvetta ecco 11 alimenti estivi da non dare mai al cane. ©Pixabay

L’alimentazione dei cani è un argomento sempre attuale, ecco quali sono gli alimenti estivi da non dare mai al cane.

- Annuncio Pubblicitario -

Crocchette o umido, dieta naturale o BARF, l’alimentazione dei cani è sempre un grattacapo per i padroni di quattro zampe. E la bella stagione non fa eccezione. Con la complicità delle lunghe giornate di sole e delle temperature in costante crescita, infatti, può apparire con più facilità il desiderio di condividere con Fido qualche alimento tipicamente stagionale.

Attenzione, però: questa decisione – soprattutto in alcuni casi – può avere conseguenze importanti sul benessere del nostro amico peloso. Per evitare di correre rischi, quindi, ecco quali sono 11 alimenti estivi da non dare mai al cane.

La frutta estiva da non dare mai al cane

Apparentemente priva di rischi anche la frutta estiva nasconde delle insidie per i quattro zampe. Ben lontani dal racchiudere le proprietà dei vegetali adattissimi alle diete canine, infatti, l’uvetta e l’avocado sono molto pericolosi per i pelosetti di casa mentre pesche e prugne devono essere proposte solo sotto attento controllo umano perché i loro semi potrebbero essere ingeriti dal cane causandogli un’occlusione. Andiamo con ordine. L’uvetta, sia fresca che appassita, può rivelarsi tossica per i cani causando dapprima vomito e diarrea ma portando, poi, anche a problemi a livello renale.

- Annuncio Pubblicitario -

Allo stesso modo l’avocado, quasi onnipresente nelle diete estive dei “due zampe”, è tossico per i cani per i quali – oltre alla polpa – sono molto pericolosi anche le foglie e i semi di questa pianta. Pesche e prugne, infine, non sono pericolose di per sé ma lo diventano quando vengono somministrate senza controllo umano perché i loro semi, se ingeriti, possono causare importanti difficoltà ai pelosetti di casa.

Carne e ossa poco adatti ai cani d’estate

L’estate, poi, è tempo di grigliate e – spesso – resistere allo sguardo pietoso di Fido accanto alla griglia è molto, molto difficile. Difficile ma, in alcuni casi, fondamentale per il suo benessere.

In primo luogo, tra gli alimenti estivi da non dare mai al cane, ecco infatti le ossa friabili (tipicamente quelle di pollo o coniglio ma, in generale, quasi tutte le ossa rese più morbide dalla cottura) e, in secondo luogo, la pancetta. Il bacon, infatti, può essere concesso solo con estrema cautela e in porzioni decisamente limitate perché è molto ricco di sale, un alimento potenzialmente molto pericoloso per i quattro zampe.

- Annuncio Pubblicitario -

Alimenti vietati per i cani!

Attenzione, poi, a non concedere (mai!) al cane alimenti troppo conditi e preparazioni che contengano aglio. L’aglio, infatti, è molto tossico per i cani e può provocargli – tra l’altro – l’accelerazione dei battiti cardiaci e un generale indebolimento. Simili sono, poi, gli effetti del cioccolato (che rientra a pieno titolo anche tra gli alimenti estivi da non dare al cane) mentre il gelato – che pure sarebbe preferibile escludere completamente dall’alimentazione di Fido – può essere concesso con estrema moderazione e nella consapevolezza del fatto che i prodotti che contengono latte sono molto difficili da digerire per i nostri amici a quattro zampe.

Difficilissimi da digerire, poi, sono anche prodotti che contengono alcool e le bevande a base di caffè mentre le noci della Macadamia (a differenza degli arachidi che, non salati, sono da proporre senza problemi) sono alimenti estivi da non dare mai al cane perché, essendo molto tossiche, possono portare episodi di vomito, diarrea, aumento della temperatura corporea e letargia.

Leggi anche: Cani e gatti amano il sole? Le cause e i rischi

Cresciuta tra i San Bernardo mi sono convertita - da ormai un lustro abbondante - alla (piacevolissima) compagnia di Clicquot, una Beagle dal carattere frizzante come lo champagne del quale porta il nome. Faccio la giornalista da sempre, occupandomi di tutto un po', ma il mio habitat naturale è il fashion e ho un PhD in Semiotica della Moda.