A passeggio con il gatto: con guinzaglio o senza?

a passeggio con il gatto
A passeggio con il gatto, con o senza il guinzaglio, dipende dall’animale. © Google Images Creative Commons

Andare a passeggio con il gatto al guinzaglio è una buona idea? Addestrarlo a questa pratica ha i suoi pro e i suoi contro, basta capire cosa vuole davvero il nostro amico felino. Ecco come si porta il gatto a passeggio.

- Annuncio Pubblicitario -

A passeggio con il gatto, meglio il guinzaglio oppure no? Tenere legato il proprio felino per portarlo a fare una passeggiata come si fa di solito con il cane, è una pratica che può sembrare bizzarra, ma che al contrario potrebbe essere molto apprezzata dall’animale. I pro e i contro di questa abitudine ci sono e dipendono soprattutto dal carattere del felino. Ecco perché.

A passeggio con il gatto al guinzaglio: pro

Il gatto è un animale poco fiducioso per natura. Girare all’aria aperta, soprattutto in grandi spazi che non ha mai visitato prima, può essere una forte fonte di stress. Questo lo rende guardingo e impaurito, quindi essere portato al guinzaglio alcune volte si rivela una soluzione efficace per farlo sentire più sicuro e tranquillo. Ci vuole, però, un piccolo addestramento preventivo, fatto gradualmente e portato a termine con successo, prima di avventurarsi con il proprio gatto a passeggio legato.

Iniziate dentro casa, mostrandogli prima di tutto la pettorina per gatti (chiedete al veterinario quale sia la più adatta e come si mette), poi fategliela indossare senza agganciare anche il guinzaglio, che metterete successivamente non appena si sarà abituato al collare. Lasciatelo, poi, girare per casa senza tenerlo, ma liberamente. Quando capirete che si sente a suo agio, prendete il guinzaglio e camminate al suo fianco ma senza tirarlo. Solo quando si mostrerà pronto allora provate ad uscire di casa, ma scegliendo un posto in cui è abituato ad uscire in modo che il vostro gattino non sia agitato.

- Annuncio Pubblicitario -

Gatto al guinzaglio: quando evitare

Se desiderate tanto portare il gatto al guinzaglio, ma notate che lui proprio non sopporta l’idea evitate assolutamente. Non è una pratica da adottare se vedete il vostro felino completamente a disagio con il guinzaglio al collo, se ha un carattere molto indipendente, se ama girare ed esplorare da solo e se notate che l’esperienza più che tranquillizzarlo, lo traumatizza. Se nonostante l’addestramento il gatto rifiuta di indossare la pettorina e si agita ogni volta che vede il guinzaglio, non forzatelo. Inoltre evitate di costringerlo ad uscire al guinzaglio in parchi molto affollati: nel caso incontrasse un cane e si sentisse legato da non poter scappare, lo stress raggiungerebbe livelli molto alti e sfocerebbe in un panico che potrebbe portarlo a ferirsi. Le alternative al guinzaglio sono i giochi in casa e un terrazzino sistemato ad hoc per poter far rilassare il vostro animale senza dover portarlo a passeggio.

Leggi anche: 5 piante velenose per i gatti

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.