Addestramento dei cani: insegna la guardia al tuo cane

addestramento dei cani
L’addestramento dei cani da guardia? Ecco come sentirsi sicuri grazie al nostro amico a quattro zampe. © Pixabay

Un cane è un compagno di vita, ma è anche un valido aiuto soprattutto se si utilizza per garantire una barriera di sicurezza in più per la propria persona e per la casa. L’addestramento dei cani ci consente di insegnare la guardia al nostro amico peloso, scopri nell’articolo come fare.

- Annuncio Pubblicitario -

L’addestramento dei cani è una procedura meticolosa che ha uno scopo ben preciso, quello di far in modo che il proprio amico a quattro zampe possa fare da guardia alla propria casa o alla propria stessa persona in situazioni di pericolo o in caso di intrusione di estranei. Ecco come insegnare al cane a difendere il padrone.

Le razze di cani da guardia

È certamente errato pensare che se un cane di razza è da guardia abbia già innata, nel suo DNA, questa sua indole. Che sia geneticamente più predisposto alla difesa e alla guardia o non lo sia, il cane deve essere addestrato per poter svolgere al meglio il proprio ruolo.

Al di là dell’addestramento pare che vi siano alcune razze di cani più propense a svolgere il ruolo di guardia e difesa del proprio padrone proprio perché hanno un carattere molto protettivo e affettuoso. Tra i cani da guardia più conosciuti ci sono il Rottweiler, il Doberman, il pastore tedesco, il Bullmastiff, il Carlino, il Corso, lo Shar Pei, l’Akita, il Dogo Argentino, lo Snauzer gigante, pastore del Caucaso, il mastino.

Qual è il ruolo del cane da guardia?

Il miglior cane da guardia è quello che sa avvisare abbaiando o ringhiando la presenza di persone che non conosce in casa o una situazione di pericolo. Il cane da guardia non attacca o morde sotto comando a meno che non glielo si insegni.

Spesso si ha l’abitudine di credere che i cani da guardia possano essere aggressivi, ma questo accade solo in casi particolari quando il cane, mosso dal suo istinto, reagisce in difesa del suo padrone. Ma tutto questo dipende sia dal rapporto che si è instaurato con lui che da ciò che gli si è insegnato.

- Annuncio Pubblicitario -

Il cane custode deve essere protetto prima ancora di poter proteggere. Pertanto è meglio insegnargli ad essere diffidente e a non cercare il contatto con eventuali intrusi. Deve limitarsi, dunque, a dare l’allarme senza reazioni difensive che potrebbero scaturire reazioni ancora più dannose (un malintenzionato non si farebbe troppi scrupoli a far del male al cane). Bisogna recintare la proprietà per evitare che il cane, se da solo in casa, possa essere più esposto ai pericoli.

Come addestrare un cane da guardia?

Per addestrare un cane ad abbaiare o ringhiare a persone che non conosce è necessario rivolgersi a centri cinofili specializzati. L’educazione del cane ai comandi insegnati, la socializzazione con l’addestratore e il suo padrone e l’ottima intesa che si instaura tra quest’ultimo e l’animale è la chiave giusta e sicura del suo successo come cane da guardia.

Un addestramento per cani da guardia e difesa sbagliato e/o troppo aggressivo potrebbe risultare pericoloso sia per se stessi che per altre persone. Se ben addestrato il cane imparerà a reagire ad eventuali minacce senza risultare aggressivo nei confronti del proprio padrone.

Durante l’addestramento verrà insegnato loro a rifiutare il cibo datogli da persone che non conosce o trovato in terra e verrà premiato ogni volta che risponderà in modo adeguato ad un comando.

Come insegnare al cane a fare la guardia

Credere di attaccare un cane alla catena in giardino e attendere che resti pronto a difenderci quando il caso lo richiede è un grave errore. I cani bisogna trattarli bene affinché possano proteggerci e non si devono creare situazioni di stress. Se il cane che resta sempre in giardino abbaia o ringhia anche ai membri della sua famiglia, non è aggressivo, ma tenta di esprimere il suo disagio e stress.

- Annuncio Pubblicitario -

Per evitare che tutto questo accada è bene il cane si senta ben accettato in famiglia e che, come già accennato, sia protetto a sua volta da pericoli che possano prenderlo di sorpresa. Ad esempio, di notte, è bene tenere il cane dentro casa.

Per creare una difesa e guardia più efficace, si può optare per riunire piccoli gruppetti di cani composti da cani di taglia piccola e cani più grandi. Entrambi lavorano in modo complementare: mentre i più piccoli avvertono con un certo anticipo l’eventuale pericolo, quelli più grandi e possenti possono apparire più minacciosi e, eventualmente, attaccare.

L’addestramento dei cani per sentirsi più sicuri e protetti deve essere fatto seguendo delle norme ben precise per evitare che il cane diventi eccessivamente aggressivo o stia sempre sulle difensive. Se i metodi di addestramento sono diversi, è il buon educatore cinofilo che sa cosa fare per poter insegnare al cane i comandi e i comportamenti da avere in date situazioni. Il cane è il miglior amico dell’uomo e il suo affetto lo dimostra anche proteggendolo.

Leggi anche: Un cane anziano e quasi cieco protegge la sua padroncina di 3 anni persa nel bosco

Essere una gattara per me è un onore. Non so ormai più quanti gatti ho cresciuto e quanti ancora ne crescerò! Al momento ho Mimì e GouGou che mi rallegrano le giornate tra fusa e miagolii! Non potrei immaginarmi una vita senza un gatto! Il mio motto è: "diffida da chi non ama i gatti"!