Conosci gli alimenti giusti per i gatti allergici?

alimenti per gatti allergici
Gli alimenti per gatti allergici supportano le patologie allergiche e di intolleranza al cibo di cui soffrono i gatti. Ecco i dettagli. © Pixabay

Eri a conoscenza dell’esistenza di alimenti per gatti allergici? Se il tuo micio ha qualche problema di intolleranze sei capitato nel posto giusto!

- Annuncio Pubblicitario -

Alimenti per gatti allergici? Sì, esistono davvero! Proprio come gli esseri umani, infatti, anche i gatti possono soffrire di intolleranze alimentari. Queste complicazioni che interessano il felino sono definite, in medicina veterinaria, come vere e proprie patologie. C’è chi decide di optare per una dieta casalinga per gatti allergici e chi, invece, si affida alle offerte di cibo umido e croccantini per gatti intolleranti. Ma cosa è bene fare in questi casi?

L’intolleranza alimentare e le allergie nel gatto

L’allergia agli alimenti che si manifesta nel gatto è inglobata in un gruppo più ampio di patologie definite con l’acronimo RAC, ossia Reazioni Avverse al Cibo. In questo contesto diagnostico il gatto può presentare dei sintomi sia a livello digestivo o cutaneo, a seconda se si tratta di una vera e propria allergia alimentare o un’intolleranza alimentare connessa ad una reazione immunitaria del gatto nei confronti di una proteina animale o vegetale, ad aromi, coloranti o conservanti presenti in alcuni tipi di cibo. Solitamente il gatto inizia a sviluppare un’intollerenza a partire dai suoi 2 anni di vita.

I sintomi e la dieta ipoallergenica per gatti

I sintomi dell’intolleranza alimentare nel gatto possono produrre diarrea e vomito. Si tratta di manifestazioni sintomatiche dirette e rapide di cui è facile accorgersi. Mentre per quanto riguarda le allergie, il gatto può presentare sintomi quali: dermatite cutanea, perdita del pelo (alopecia), infezioni della pelle, otite, lacrimazione accentuate e anche vomito e diarrea.

All’origine di questa reazione autoimmune vi sono antigeni o proteine che l’organismo del gatto non riconosce e che danno vita alle allergie o intolleranze che difficilmente (rispetto alle allergie e intolleranze umane) sono identificati.

- Annuncio Pubblicitario -

Il consulto dal medico veterinario di fiducia è imprescindibile e necessario. Infatti, non sempre i sintomi, di cui sopra, sono correlati ad un’allergia o intolleranza, ma le cause possibile sono tante e diverse. Solitamente per diagnosticare in modo corretto il malessere del gatto, il veterinario lo sottopone a test di laboratorio che hanno l’obiettivo di valutare a quale antigene è allergico o intollerante il gatto. Spesso, però, questi test non riescono a offrire risultati specifici e completi, quindi si procede per tentativi ed esami supplementari.

Cos’è la dieta dell’eliminazione

La terapia e le cure per gatti allergici o intolleranti al cibo prevedono una dieta privativa che vede l’eliminazione di alcuni cibi specifici, ad esempio quando il gatto è allergico al pollo non gli si fa mangiare alcun tipo di proteina derivata da questo animale. Stessa cosa accade anche quando il gatto mangia cibi ricchi di istamina, una sostanza che attiva la reazione del corpo alla presenza di sostanze pericolose. Tra quest’ultimo tipo di alimenti, risultano essere pericolosi per i gatti i formaggi, il pesce in scatola, salumi e altri prodotti stagionati, fermentati o conservati e l’albume, che è privo di istamina ma che attiva il corpo a produrla.

La dieta privativa per gatti deve essere seguita, per essere efficiente, in periodi più o meno lunghi (per circa 2 mesi). Questo lasso di tempo consente di diagnosticare gli antigeni e le eventuali altre cause del malessere del micio. Seguendo la dieta dell’eliminazione è possibile somministrare degli alimenti ipoallergenici per gatti  che hanno lo scopo di eliminare i sintomi nel gatto.

Come scegliere gli alimenti per gatti allergici

Sul mercato sono presenti varie tipologie di cibo umido per gatti allergici o croccantini monoproteici che vengono adoperati per aiutare, il veterinario e il proprietario del gatto, a comprendere le cause soggiacenti della patologia di reazione alimentare del gatto. Si tratta di mangimi che presentano proteine ionizzate che risultano più digeribili e facili da assimilare.

- Annuncio Pubblicitario -

In alternativa è possibile optare per una dieta casalinga per gatti allergici che elimini il cibo a cui il gatto è intollerante. Questa opzione, rispetto all’utilizzo di cibo industriale, risulta essere più efficace perché viene offerto al gatto del cibo che si conosce sin dall’origine (cosa che con i mangimi industriali risulta più difficile) ma che prevede un dispendio di tempo e risorse maggiori, poiché la preparazione di questi cibi deve contenere tutti i valori nutrizionali necessari affinché la dieta del gatto sia equilibrata.

In questo modo, una volta capito a cosa è allergico il gatto è possibile tornare ad un dieta più varia che, però, elimini e sostituisca completamente l’elemento che causa allergia o intolleranza.

La scelta di alimenti per gatti allergici è un’opzione alimentare consapevole fatta dal proprietario del gatto, con l’aiuto di un bravo veterinario, per fare in modo che il gatto non presenti sintomatologie derivate da un cibo non adeguato al suo fabbisogno.

Leggi anche: Allergia al pelo del gatto: i rimedi

Essere una gattara per me è un onore. Non so ormai più quanti gatti ho cresciuto e quanti ancora ne crescerò! Al momento ho Mimì e GouGou che mi rallegrano le giornate tra fusa e miagolii! Non potrei immaginarmi una vita senza un gatto! Il mio motto è: "diffida da chi non ama i gatti"!