Cane goloso di pizza: ecco la sua simpatica storia

Tutti (o quasi) amano la pizza ed è spesso difficile resistere al suo succulento richiamo. Questo vale anche per i cani. Ecco la storia, che ha fatto il giro del web, di un cucciolo goloso di pizza. 

La pizza è il vostro unico amore? Potreste mangiarne giorno e notte? Per colazione, pranzo e cena? Non siete i soli: questo alimento è infatti uno dei più consumati al mondo da grandi, piccini e…da cani! Oggi infatti vi raccontiamo la storia di questo cane americano cha non può fare a meno della sua dose quotidiana di pizza!

- Annuncio Pubblicitario -

La storia del cane goloso di pizza

Tutta è cominciato durante l’ora di pranzo. Estrella si reca in pizzeria e, una volta seduta, dalla vetrina nota un cane che la fissa dritta negli occhi. Non c’è dubbio: il cucciolo sogna solo di gustare un pezzo di una golosa pizza. La donna, allora non perde tempo e, armata di smartphone, fotografa il cagnolino goloso che in poco tempo fa il giro del web.

La scoperta 

Incuriosita dal comportamento del cane, la donna, una volta terminato il pasto, gli si avvicina per accertarsi che non si sia perso. A questo punto fa una scoperta molto divertente: sul suo collare si legge «Non datemi della pizza». 

- Annuncio Pubblicitario -

In seguito a questa simpatica scoperta, il sito americano Buzzfeed ha indagato ed è riuscito a trovare i padroni del cane che hanno spiegato che Jefe, questo è il suo nome, ha una vera e propria ossessione per la pizza. Siccome il cucciolone vive in condizioni di semi-libertà ogni volta che ne ha l’occasione si apposta fuori la pizzeria e con sguardo languido intenerisce i clienti che, credendolo abbandonato, lo nutrono. Questi continui fuori-pasto a base di pizza possono diventare un vero rischio per la salute, per questo motivo i proprietari hanno deciso di apporre sul suo collare la simpatica medaglietta. 

Un’idea eccellente, per un’ottima causa! 

Leggi anche: Princess: il cane ingannatore (ormai) più famoso del web

Profondamente innamorata dei felini, trascorro il mio tempo a limitare i danni di due fratelli combinaguai dal manto tigrato che hanno sempre voglia di giocare: Enzo e Luisa. Se esiste una vita precedente, io probabilmente sono stata un gatto.