Cani da salvataggio: il soccorso tra le macerie a Genova

Impegnati senza sosta nelle ricerche tra i detriti del ponte Morandi a Genova, i cani da salvataggio arrivano da tutta Italia e non si fermano davanti a nulla.

- Annuncio Pubblicitario -

Arrivano da tutta Italia i cani da salvataggio che, nelle ultime ore, sono stati impegnati – senza sosta – tra i detriti del ponte Morandi a Genova. Quattro zampe coraggiosi, attenti e preparati che cercano, scavano tra le macerie e che – soprattutto – non si fermano davanti a nulla pur di prestare soccorso.

Unità cinofile con una grande esperienza

I cani eroi, in prima linea tra i soccorritori di questa tragedia, arrivano dal Piemonte, dal Veneto, dalle Marche, dal Lazio e da molti altri luoghi del Belpaese, luoghi nei quali hanno ricevuto l’addestramento indispensabile per svolgere al meglio il loro, importantissimo, ruolo nei soccorsi che li rende autentici cani da salvataggio.

Tra i cani che sono accorsi subito nei luoghi della tragedia che ha colpito il capoluogo ligure, d’altra parte, ci sono alcuni veterani che hanno già dato prova della loro abilità durante le operazioni di salvataggio che hanno seguito il sisma del 2016 in centro Italia.

- Annuncio Pubblicitario -

Cani da salvataggio, eroi a quattro zampe

Questi cani da salvataggio, d’altra parte, non si fermano davanti a nulla. Sulle spalle dei soccorritori, come mostrano i molti video postati da Genova, guidano i loro colleghi a due zampe nella ricerca dei sopravvissuti, captando ogni minimo odore, ogni più piccolo movimento, ciascun rumore proveniente dalle macerie.

Spesso a portare un inatteso lieto fine in una storia che sembrava già segnata, d’altra parte, sono proprio loro: i cani da salvataggio, autentici eroi a quattro zampe.

Leggi anche: Cane estratto dalle macerie, la storia da Genova

Cresciuta tra i San Bernardo mi sono convertita - da ormai un lustro abbondante - alla (piacevolissima) compagnia di Clicquot, una Beagle dal carattere frizzante come lo champagne del quale porta il nome. Faccio la giornalista da sempre, occupandomi di tutto un po', ma il mio habitat naturale è il fashion e ho un PhD in Semiotica della Moda.