Il gattino con la cresta non riesce a bere dal biberon

Se siete allergici alla tenerezza, queste foto non fanno per voi. Ecco la storia del gattino dall’aria ribelle, che è talmente piccolo da non riuscire ad attaccarsi al biberon. 

In Arizona, un signora ha ritrovato un gatto minuscolo sottopeso, abbandonato ed affamato. La particolarità di questo esserino minuscolo, probabilmente di neanche un mese, è che sulla testa aveva un ciuffo di peli che ricordava una cresta. Nonostante i numerosi sforzi della donna, il micino non voleva proprio saperne di mangiare dal biberon, talmente il suo corpicino era debole e fragile. 

- Annuncio Pubblicitario -

La storia di Wolfie: il gatto con la cresta

Fortunatamente Melinda Blain, di Bottle Baby Fosters, un rifugio per gattini di Phoenix, è venuta in soccorso del micino. L’esperienza pluriennale di Melinda ha fatto sì che Wolfie (così hanno chiamato il minuscolo micino) riuscisse a ciucciare dal biberon. Una volta finito il primo pasto, il gatto è ingrassato di 20 grammi! Il che è indicativo di quanto la sua condizione di salute fosse precaria al momento del ritrovamento. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bottle Baby Fosters PHX AZ (@the_kitten_coop) in data:

- Annuncio Pubblicitario -

Le cure 

Una volta insegnatogli a mangiare, Melinda ed altri volontari, si sono presi cura di lui mettendolo sotto antibiotici a causa di un raffreddore che si temeva potesse diventare polmonite (a causa delle difese immunitarie praticamente assenti). Il micino è stato poi seguito di giorno e di notte, nutrendolo, tenendolo al caldo e facendogli l’aerosol. Dopo poco meno di una settimana, il cucciolo ha cominciato a sbocciare diventando sempre più reattivo e in forze.

Adesso Wolfie sta bene, il suo peso è triplicato ed ha anche trovato una famiglia di adozione disposta ad amarlo e coccolarlo. Una storia tenera che tocca il cuore.

Leggi anche: Gattina trovata al freddo: una donna la salva con un maglione minuscolo (Video)

Profondamente innamorata dei felini, trascorro il mio tempo a limitare i danni di due fratelli combinaguai dal manto tigrato che hanno sempre voglia di giocare: Enzo e Luisa. Se esiste una vita precedente, io probabilmente sono stata un gatto.