Malattie cardiache del cane: bradicardia, insufficienza mitralica, tachicardia

malattie cane
Le malattie cardiache del cane possono essere molto serie e perciò è bene conoscerle nel dettaglio. © Andrew Neel/Unsplash

Lo cantava anche Little Tony: il cuore è matto, matto da legare. Anche quello dei nostri amici a quattro zampe può rallentare il suo ritmo, oppure viaggiare alla velocità della luce. Scopri le malattie cardiache nel cane.

- Annuncio Pubblicitario -

Non c’è niente che preoccupi di più delle malattie cardiache, sia che esse riguardino gli umani sia gli animali. Anche il cane, infatti, può soffrirne e se da una parte è possibile conviverci, dall’altra le complicazioni possono essere molte, soprattutto se alle malattie del cuore se ne aggiungono altre correlate.

Saperle riconoscere è importante, tanto quanto agire tempestivamente. Ai primi sintomi, infatti, è bene rivolgersi al veterinario che attraverso esami specifici, diagnosticherà nello specifico, di quale malattia cardiaca soffre il nostro cane.

Malattie cardiache nei cani

Le malattie cardiache, come dice il nome, interessano il cuore e tutto ciò che ad esso è collegato. Ne soffrono soprattutto i cani di taglia piccola o quelli che geneticamente le ereditano da un genitore che ne ha sofferto. Anche gli animali non più giovanissimi sono soggetti ad avere problemi al cuore, in questo caso dovuti all’età.

Le malattie cardiache del cane si riconoscono da alcuni sintomi specifici, tra cui un battito cardiaco irregolare, che non lascia spazio a molti dubbi. Soprattutto se il cane non è più giovanissimo è il caso di sottoporlo a controlli periodici che possano scongiurare ogni pericolo, o diagnosticarlo in tempo.

Insufficienza mitralica del cane

L’insufficienza mitralica del cane riguarda soprattutto i quattro zampe di piccola e media taglia, che abbiano superato gli 8/10 anni di età. La valvola mitrale divide il ventricolo sinistro dall’atrio sinistro e il suo corretto funzionamento fa sì che il sangue ossigenato venga pompato dal ventricolo e non ritorni nell’atrio.

Si parla di insufficienza mitrale del cane quando la valvola mitralica subisce una deformazione o presenta delle anomalie, di solito dovuta all’avanzare dell’età. Non funzionando correttamente la valvola non si chiude e il sangue ossigenato torna indietro, invece di fare il suo naturale corso lungo tutto il corpo.

- Annuncio Pubblicitario -

La valvola mitrale si trova sul lato sinistro del cuore e separa il ventricolo sinistro dall’atrio sinistro. La sua funzione principale è quella di evitare che il sangue ossigenato ritorni all’atrio e venga pompato dal ventricolo.

I sintomi che si manifestano quando è presente un’insufficienza mitralica del cane sono una profonda stanchezza accompagnata da tosse e difficoltà nel respirare, oltre ad un battito cardiaco anomalo e possibili sincopi.

Tachicardia del cane

La tachicardia del cane compare quando il cuore batte in maniera più veloce del normale. Il più delle volte può dipendere da cause non preoccupanti, come uno spavento, una corsa o un momento di eccitazione. I casi che devono, invece, preoccupare, sono quando parte dagli atri del cuore (tachicardia atriale) e quando avviene nei ventricoli (tachicardia ventricolare).

La tachicardia atriale è solo un sintomo di una malattia cardiaca più grave, mentre la ventricolare può avere diverse cause, come una malformazione congenita, una pancreatite, una patologia della milza o che riguarda l’apparato gastrointestinale.

Quando si presenta tachicardia senza un apparente motivo o un particolare momento di eccitazione del sistema nervoso, così come uno sforzo fisico, è bene rivolgersi tempestivamente al veterinario per stabilire la causa.

Bradicardia canina

Al contrario della tachicardia, la bradicardia è una notevole diminuzione dei battiti cardiaci nel cane. Quando la frequenza degli impulsi è più bassa e lenta del normale, o addirittura si blocca, siamo di fronte ad una malattia cardiaca piuttosto seria, che potrebbe portare a conseguenze gravi anche improvvisamente.

- Annuncio Pubblicitario -

Si manifesta attraverso un’eccessiva stanchezza e svogliatezza dell’animale, sincopi e tosse, a volte anche convulsa e difficile da placare. A causare la bradicardia di solito è il passare degli anni, quindi, l’anzianità, ma anche la natura genetica di alcune razze può essere una delle cause, visto che alcune ne sono più soggette, come il Cocker Spaniel e il Carlino.

Soffio al cuore nel cane

Il soffio al cuore è un’anomalia cardiaca molto frequente e il veterinario può diagnosticarlo subito, semplicemente ascoltando il battito con lo stetoscopio. Di solito non è una condizione che deve preoccupare il padrone dell’animale, perché ci si convive tranquillamente.

Il soffio al cuore si presenta quando la valvola cardiaca, per cause congenite o sopraggiunte con l’età, si chiude ben stretta ma non completamente, lasciando così che una parte del sangue pompato ritorni nell’atrio.

La presenza del soffio al cuore non indica necessariamente la presenza di una malattia cardiaca, che eventualmente potrà essere diagnostica dopo aver approfondito con un elettrocardiogramma.

Leggi anche: Qual è il rischio che il tuo cane abbia un infarto?

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.