Malattie delle vie respiratorie del cane: rinite, tracheite e laringite

malattie cane
Le malattie respiratorie del cane come tracheite, rinite e laringite vanno curate tempestivamente. © Pixabay

Rinite, tracheite e laringite sono solo alcune delle malattie delle vie respiratorie che un cane può contrarre. Non farti trovare impreparato, leggi l’articolo e resta informato!

- Annuncio Pubblicitario -

Tra le malattie respiratorie del cane ci sono la tracheite, la rinite e la laringite, oltre che le comuni bronchite e la ben più grave polmonite. Tutte interessano le zone del corpo con cui il cane respira, che possono essere i bronchi, la gola, le mucose e la trachea.

Possono essere contratte per vari motivi e in diverse circostanze ma tutte, se prese in tempo, risultano facili da curare e non lasciano conseguenze. Diverso è il discorso nel caso in cui vengano trascurate, dove subentrano complicanze più o meno gravi.

Malattie delle vie respiratorie del cane

Le malattie delle vie respiratorie del cane riguardano gli apparati coinvolti nella respirazione, tra cui il naso, la trachea e la laringe, non dimenticando i polmoni. L’apparato respiratorio può essere soggetto a varie patologie, più o meno gravi, che devono essere tenute sotto controllo e curate per tempo.

L’importanza dell’apparato respiratorio dei cani dipende anche dal fatto che avendo un numero molto ridotto di ghiandole sudoripare, la respirazione assicura non solo l’entrata di ossigeno nel corpo, ma anche la possibilità di espellere i liquidi in eccesso e refrigerare il corpo.

Le patologie, quindi, che colpiscono le vie respiratorie dipendono da vari fattori esterni e possono avere diverse cause, ognuna delle quali provoca un disturbo specifico.

Tracheite del cane

Tra le malattie delle vie respiratorie del cane c’è la tracheite, una patologia che interessa la trachea, la zona che collega la gola e la gabbia toracica, costituita da una serie di anelli fatti di cartilagine, la cui infiammazione causa difficoltà a respirare, tosse secca e cupa, soprattutto in caso di forti emozioni e affanno.

La tracheite può essere più o meno intensa a seconda dell’entità dell’infiammazione e spesso più provocare conati che non si traducono quasi mai in vomito vero e proprio. Si riconosce subito dalla tipologia di tosse che causa nell’animale, che è molto cupa, per nulla grassa e parecchio insistente.

- Annuncio Pubblicitario -

Può essere causata da un virus, un batterio, un colpo di freddo o sbalzi di temperatura e si manifesta quasi subito senza lunghi periodi di incubazione.

Come curare la tracheite nei cani

Curare la tracheite nei cani non è di norma complicato e si risolve tutto nel giro di una settimana, se l’infiammazione non è grave. Anche un blando antiinfiammatorio somministrato dal veterinario e alcune sedute di aerosol fatte in casa, possono curare la tracheite che non sia causata da virus o batteri.

In caso di contagio in cui il colpevole è un batterio, allora sarà necessaria anche una terapia antibiotica, sempre previa prescrizione del medico, che potrà combattere la causa ed evitare che la tracheite degeneri in qualcosa di più serio.

Evitate, in caso di tracheite nel cane, gli ambienti troppo freddi e i cambi di temperatura repentini, soprattutto in inverno, dove fuori il tempo è rigido mentre dentro casa i termosifoni scaldano e seccano troppo l’aria, rendendo le passeggiate all’aperto e il successivo rientro una delle potenziali e più comuni cause.

Rinite del cane

La rinite del cane è una malattia delle vie respiratorie che interessa la mucosa delle cavità nasali e che può essere causata da un batterio, da funghi e parassiti, da traumi, ma anche da corpi estranei presenti nel naso o allergie stagionali.

Si parla di rinite del cane acuta o cronica, in base alla gravità e alla durata dell’infiammazione, quindi è bene non trascurarla mai per evitare complicanze. Si manifesta con una sintomatologia piuttosto riconoscibile, come muco giallastro dal naso, numerosi starnuti e a volte sanguinamento delle mucose nasali, il tutto accompagnato da un’abbondante lacrimazione degli occhi e qualche volta anche piccole ulcerette nella zona del naso.

Come curare la rinite

La rinite del cane viene curata in base alla sua gravità, ma soprattutto alla causa scatenante. Se la rinite è batterica sarà necessaria una terapia antibiotica, mentre se è virale basteranno degli antiinfiammatori.

- Annuncio Pubblicitario -

Al contrario, se a causarla è un corpo estraneo questo deve essere assolutamente rimosso e, nei casi più difficoltosi, potrebbe occorrere un piccolo intervento chirurgico atto allo scopo di eliminarlo. Sarà solo il veterinario a stabilire cosa sarà giusto fare, ma in ogni caso non c’è da allarmarsi eccessivamente, perché il più delle volte non sarà un’operazione difficoltosa o pericolosa.

Laringite del cane

La laringite è una malattia delle vie respiratorie del cane che coinvolge la laringe, appunto. Di solito non è assolutamente grave e comporta un abbassamento del tono visto che all’interno della laringe sono ospitate le corde vocali.

La sintomatologia è piuttosto generica perché comprende tosse secca, molto insistente e fastidiosa e una difficoltà nella deglutizione che può causare conati. Tra i sintomi più riconoscibili ci sono l’abbassamento del tono dell’abbaio, che diventa debole e rauco, e un dolore al tatto quando si palpeggia la gola dell’animale.

La laringite del cane è causata spesso da un eccessivo abbaiare o da un colpo di freddo e quindi in questo non necessita di cure antibiotiche.

Cura della laringite del cane

La laringite del cane si può curare con la una terapia di antinfiammatori, prescritti e somministrati dal veterinario. Ci sono poi dei rimedi naturali che possono fare da coadiuvante alla cura tradizionale, come la rosa canina che, in base alla taglia e al peso del cane, può essere data al cane sotto forma di gocce. In ogni caso è opportuno sentire il parere di un veterinario omeopata, prima di ricorrere al fai da te.

Leggi anche: Bronchite del cane: sintomi e cure

Appassionata di animali fin da bambina, ha scoperto cos'è il vero amore quando ha adottato la sua dolcissima shit-zu.