Medley, il cane d’allerta per diabetici a cui è stato negato il volo

cane d'allerta per diabetici
Il cane d’allerta per diabetici è considerato un cane da compagnia, ma è un amico di cui non si può fare a meno. © Pixabay.

Medley è il cane d’allerta per diabetici a cui è stato vietato l’imbarco su due voli per seguire il suo giovane padrone Hugo, che ha sempre bisogno di lui.

- Annuncio Pubblicitario -

La giornata mondiale del diabete, che è appena passata, ha puntato i riflettori anche sulla relazione tra questa patologia e gli animali. Un cane d’allerta per diabetici è un aiuto indispensabile per chi soffre di questa malattia. Si tratta infatti di una sorta di cane infermiere che può salvare letteralmente la vita. Questi cani sono importanti quanto i cani guida per non vedenti o non udenti (i diabetici hanno bisogno della loro presenza 24 ore al giorno), ma purtroppo non tutti sembrano essere d’accordo. Questo è il caso di Medley, il cane d’allerta per diabetici a cui è stato negato l’imbarco insieme al suo padrone, il sedicenne Hugo.

Il primo caso è accaduto questa estate, quando Hugo, giovane diabetico abitante di Folking, in Lorena (Francia), ha deciso andare in vacanza in Portogallo. Il secondo caso invece si è verificato durante il ponte di Ognissanti, per andare al parco divertimenti Puy du Fu nella Vandea (Paesi della Loira). Il ragazzo, che soffre di diabete di tipo 1, nonostante avesse una prescrizione medica, non ha potuto far salire a bordo Medley. Il suo cane d’allerta per diabetici, capace di individuare una crisi ipo/iperglicemica è stato rifiutato sia da Luxair, sia da Volotea.

Su entrambe le compagnie aeree sono permessi solo i cani per non vedenti e non udenti, ma non quelli per diabetici. Medley, infatti, viene considerato come un semplice cane da compagnia, senza che venga data alcuna importanza alla sua funzione di cane infermiere.

- Annuncio Pubblicitario -

Cane d’allerta per diabetici, perché è indispensabile

I cani per diabetici sono indispensabili perché grazie al fiuto riescono ad individuare la presenza di un tasso anomalo di zucchero nel sangue del padrone. Questi cani riescono a captare se il padrone sta per avere una crisi glicemica e possono avvertirlo in diversi modi, come ad esempio toccandolo con il proprio muso sulla gamba. I quadrupedi sono inoltre capaci di premere un bottone d’emergenza e chiamare i soccorsi nel caso il padrone sia impossibilitato a muoversi. I cani d’allerta per diabetici sono una realtà ancora poco conosciuta al mondo, ma bisogna che venga riconosciuta presto la loro importanza e consentirgli di seguire i propri padroni ovunque, anche sugli aerei.

Leggi anche: Camminando con Peety: il cane che ha salvato il padrone dal diabete

Cresciuto in un piccolo paesino siciliano, sono stato un amante dei cani (e degli animali in generale) sin dalla più tenera età. Che siano di razza, incroci o “semplici” meticci, questi amici a quattro zampe riescono a cambiarti la vita e renderla migliore giorno dopo giorno.