Microchip per i gatti di casa: la sperimentazione

Microchip per i gatti di casa
A Pordenone via alla sperimentazione per dotare di microchip i gatti di casa iscrivendoli ad una anagrafe ad hoc. ©Pixabay

A Pordenone il Comune sperimenta il microchip per i gatti di casa: la sperimentazione avrà una durata di sei mesi e prevedrà anche l’apertura di una anagrafe felina. 

- Annuncio Pubblicitario -

Microchip per i gatti di casa. La novità arriva da Pordenone dove il Comune offre la possibilità ai padroni di felini domestici di procedere alla chippatura (gratuita) dei pelosetti di proprietà e alla successiva iscrizione dei batuffoli nei registri della neonta Anagrafe Felina.

Come funziona il microchip per i gatti di casa?

Una bella notizia che diventerà realtà già nelle prossime settimane per un periodo di sperimentazione del servizio che, come riporta Il Friuli, avrà una durata di sei mesi. «Si tratta – spiega l’assessore all’Ambiente, Stefania Boltin sulle colonne del giornale – di una mia idea che ho proposto alla Regione e che è stata accolta favorevolmente. Il progetto partirà qui a Pordenone e, se avrà successo, la Regione lo rederà sicuramente obbligatorio in tutto il Friuli Venezia Giulia. La chippatura per i gatti che non vivono in colonia non è ancora necessaria, ma stiamo sensibilizzando la popolazione affinché l’iniziativa abbia un buon successo. Ci sono tanti gatti smarriti ed è giusto trovare i loro proprietari».

- Annuncio Pubblicitario -

Per stimolare la partecipazione di quanti più proprietari di gatti possibile, il Comune ha stanziato 10mila euro che verranno utilizzati per i primi 1250 esemplari del territorio che ne faranno richiesta.

Chippatura dei gatti: quali sono le regole

A differenza di quanto accade per i cani domestici, la chippatura dei gatti e l’iscrizione ad un’anagrafe ad hoc, oggi non è obbligatoria per i mici e i soli che devono essere dotati di un microchip sono i gatti che vivono in colonia (per i quali c’è anche l’obbligo della sterilizzazione).

- Annuncio Pubblicitario -

L’obiettivo di questa importante iniziativa della zona di Pordenone, però, è quello di sensibilizzare i proprietari di gatti circa l’importanza di tale pratica che potrebbe aiutare anche a prevenire il fenomeno dell’abbandono. A Pordenone la chippatura sarà effettuata dall’Azienda sanitaria, mentre l’Anagrafe felina per i gatti proprietà sarà gestita dai volontari dell’Associazione Leidaa onlus.

Leggi anche: Ines la gattara, storia di un amore oltre i limiti

Cresciuta tra i San Bernardo mi sono convertita - da ormai un lustro abbondante - alla (piacevolissima) compagnia di Clicquot, una Beagle dal carattere frizzante come lo champagne del quale porta il nome. Faccio la giornalista da sempre, occupandomi di tutto un po', ma il mio habitat naturale è il fashion e ho un PhD in Semiotica della Moda.