News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

Pubblicità

LAV scende in piazza contro la violenza sugli animali (Video)

manifesto lav per gli animali
© Youtube @LAV

La LAV scende in piazza dal 30 marzo al 7 aprile per combattere la violenza sugli animali, invitando tutti a firmare una petizione ed a contribuire scegliendo un uovo di Pasqua.

Di Nina Segatori, 28 mar 2019

La Lega antivivisezione animali scende di nuovo in piazza e stavolta lo fa per un obiettivo: fermare i maltrattamenti sugli animali. Sabato 30 marzo e domenica 31 marzo, seguiti poi da sabato 6 e domenica 7 aprile, nelle città italiane sarà possibile firmare una petizione che possa migliorare la legge già esistente che punisce chi maltratta un animale.

La petizione

La legge 189 del 2004 prevede una pena per chi usa violenza sugli animali e, grazie a questa norma, molti sono stati salvati e sequestrati da chi li maltrattava. Però non basta, così la LAV ha deciso di creare una petizione per migliorare la normativa e assicurarsi pene più severe.

Gli obiettivi sono quelli di:

  • Punire più pesantemente i maltrattatori, soprattutto se le violenze accadono sotto gli occhi di minorenni;
  • Riuscire ad impedire che il cane rimanga nelle mani del padrone violento;
  • Che all'animale vengano riconosciuti dei diritti in quanto essere vivente.

Quest'ultima proposta è già al vaglio dopo la richiesta della deputata Brambilla. Inoltre la Lega Antivivisezione animali chiede anche che possa essere introdotto il reato di strage di animali, come nei casi di polpette avvelenate, ma anche dei validi sostentamenti per i rifugi e i centri d'accoglienza dei randagi.

Come aderire?

La petizione, però, ha bisogno di adesioni per poter essere presentata, così la LAV ha pensato ad un'iniziativa nelle piazze dove poter coinvolgere tutti i cittadini italiani. Recandosi, infatti, nel gazebo che si troverà per per due weekend consecutivi dal 30 marzo, si può porre la propria firma e contribuire ad aiutare gli animali maltrattati, acquistando un uovo di Pasqua. Un pensiero che unisce l'utile al dilettevole e che potrebbe salvare tante vite.