News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Cane trafitto da freccia nel giorno di Pasqua: ecco come sta

cane trafitto da freccia © Facebook @Clinica Veterinaria Bertollo

Nel giorno di Pasqua un cane è stato ritrovato di fronte a una chiesa con una freccia conficcata nel corpo. Qualcuno si è divertito a ferirlo in quel modo, ma fortunatamente è vivo per miracolo.

Di Nina Segatori, 23 apr 2019

Oltre alla resurrezione di Gesù, il miracolo di questa Pasqua è stato il salvataggio di Aaron, un cane che è stato ritrovato con una freccia conficcata nel corpo, proprio nel giorno di festa. I medici della clinica veterinaria di Camisano, in provincia di Vicenza, se ne sono presi cura e fortunatamente ora l'animale sta bene.

Il cane trafitto da una freccia

Nella sera della vigilia di Pasqua, Aaron si era allontanato da casa sua, a Camisano, nel vicentino. Quando è stato ritrovato, la mattina seguente davanti alla chiesa di Fantaniva, era in una condizione orribile: una freccia attraversava il suo corpo da parte a parte. Così è stato immediatamente soccorso e portato alla clinica veterinaria di Camisano.

Lì Aaron è stato operato d'urgenza per rimuovere la freccia e salvare gli organi vitali, ma nessuno è riuscito a capacitarsi della crudeltà così grande di chi ha commesso un gesto del genere. L'unica cosa certa è che non si è trattato di un incidente.

La sorte di Aaron

«Oggi va così...Nel giorno in cui tutta l’umanità dovrebbe essere più buona, la cattiveria dell’uomo rimane la stessa di 2.000 anni fa... Aaron è uscito qualche minuto fa dalla chirurgia! È andato tutto benissimo e questa sera può ritornare a casa dai suoi proprietari... Purtroppo non si è trattato di un incidente... È scappato questa notte ed è stato ritrovato così questa mattina.»

Queste le parole scritte sulla pagina Facebook della clinica veterinaria Bertollo di Camisano, dove Aaron è stato salvato. L'operazione è andata bene e per fortuna la freccia non aveva causato danni mortali. Ora però si cerca il colpevole che ha avuto il coraggio di fare una cosa del genere ad un povero animale indifeso.