News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?đŸ¶đŸ¶đŸ¶

PubblicitĂ 

Filma il cane che piange sotto la pioggia: la reazione del padrone (Video)

labrador-sdraiata-nel-fango © YouTube @ Fondation 30 Millions d'Amis

Ha solo quattro mesi, la cagnolina Labrador vittima di un ennesimo proprietario crudele. Senza il minimo ritegno, l’uomo registra un video mentre la cagnolina piange disperata.

Di Coryse Farina, 24 mag 2019

Un ennesimo caso di maltrattamenti di animali giunge fino a noi. Questa volta, il proprietario senza scrupoli vive ad Englebelmer, un comune francese, situato nel dipartimento della Somme, nel nord del paese.

Vittima della crudeltà di un uomo senza pietà è una cagnolina di razza Labrador con il manto dorato. La piccola di soli quattro mesi, era legata giorno e notte tramite una corda cortissima nel giardino dell’uomo. Senza cibo né acqua e senza una cuccia in cui ripararsi, il cane giaceva da settimane al freddo e sotto le intemperie.

Un salvataggio necessario

A dare l’allarme, è uno dei vicini dell’uomo che, stanco di sentire il cane piangere e vederlo vittima di tali maltrattamenti, chiama la Fondation 30 Millions d’Amis per chiedere aiuto.
I volontari, preso atto della faccenda, non esitano un attimo a correre in soccorso.

Quando arrivano nel giardino dell’uomo, scoprono subito la cagnolina completamente zuppa d’acqua a causa delle forti piogge. La corda inoltre, era più volte girata intorno al collo.

L’animale viene subito sequestrato e portato al rifugio di Ponthieu Marquenterre, nella città vicina, per essere curato e nutrito. Nel giro di pochi giorni, grazie all’ottimo lavoro dei volontari, ha anche trovato una nuova famiglia amorevole, pronta a prendersi cura di lei.

Un video raccapricciante

Durante il salvataggio del cane, i volontari hanno preso visione anche del video girato dal vicino. Nelle immagini, si può ben vedere la cagnolina piangere disperata e l’uomo urlarle contro di stare zitta per provare a calmarla.

Un’ennesima prova contro l’uomo, che è stato poi denunciato dalla Fondazione per maltrattamenti contro gli animali. Un felice epilogo per una storia che era iniziata nel peggiore dei modi.