News :
Wamiz Logo

Che razza di cane fa per te?đŸ¶đŸ¶đŸ¶

PubblicitĂ 

I 9 consigli della Lega del Cane per il benessere di Fido in estate

Cane gioca con l'acqua
© Pixabay

Estate fa rima anche con caldo e afa: ecco i 9 consigli della Lega Nazionale per la Difesa del Cane per prendersi cura al meglio del proprio amico peloso sotto il solleone.

Di Eleonora Chiais , 25 giu 2019

Con l’arrivo dell’estate (e il conseguente innalzamento della colonnina di mercurio) è bene prestare una dose extra di attenzioni ai nostri amici a quattro zampe. 

Ecco, postati sui social con l’hashtag ad hoc #proteggiiltuoamico, i nove suggerimenti estivi della Lega Nazionale per la Difesa del Cane e due consigli extra da applicare in ogni stagione:

ricordate di tenere il cane al guinzaglio quando ci sono altre persone e di pulire sempre e subito quando il nostro amico sporca.

1. Mai lasciarlo solo in auto

La prima regola è chiara, mai lasciare il proprio quattro zampe nell'abitacolo dell'automobile nemmeno per pochi istanti: bastano pochi minuti, infatti, perché - anche all'ombra se la giornata è particolarmente calda - l'interno dell'auto raggiunga una temperatura potenzialmente molto pericolosa per il benessere di Fido.

aLa differenza di temperatura tra l'interno e l'esterno dell'auto
©Wamiz

2. Attivarsi quando si vede un cane in auto

Se capita, passeggiando sotto il sole, di vedere un cane chiuso in auto è importante verificare immediatamente il suo stato di salute e, se si notano i sintomi di un colpo di calore, chiamare immediatamente i soccorsi (e nel frattempo, se i finestrini sono aperti, gettate acqua fresca all'interno della macchina). Ecco cosa fare se si trova un cane chiuso in auto.

3. Imparare a riconoscere un colpo di calore

Riconoscere un colpo di calore nel cane prontamente è fondamentale. Quali sono i sintomi? All’inizio l’animale appare irrequieto e ansimante e aumentano sia la sua frequenza respiratoria che quella cardiaca. Nella seconda fase ecco quindi l'evidente perdita di lucidità e coordinazione e, infine, l’animale potrebbe barcollare o non riuscire più ad alzarsi.

Come intervenire in caso di un colpo di calore

Se un animale presenta i sintomi del colpo di calore bisogna correre dal veterinario. Per il primissimo soccorso può servire portarlo in un luogo ombreggiato bagnandolo con acqua a temperatura ambiente sotto le ascelle e nella zona dell'inguine.

4. Acqua abbondante, ombra e passeggiate al fresco

Gli animali che vivono all'aperto nei mesi più caldi devono avere sempre a disposizione acqua fresca e uno spazio ombreggiato e fresco. In generale, poi, per le passeggiate meglio optare per le ore più fresche. Attenzione anche alla temperatura delle strade per le zampe del cane.

5. Una doccia dopo il mare

Mare e bagnasciuga rappresentano un piacevole diversivo per i nostri amici a quattro zampe ma attenzione alla sabbia e all’acqua di mare, che possono causare irritazioni della pelle. Per evitare che questo divertente passatempo abbia spiacevoli conseguenze è indispensabile ricordarsi di sciacquare il cane accuratamente con acqua dolce, facendo particolare attenzione alla zona tra i polpastrelli delle zampe.

6. Attenzione in spiaggia

Al cane piace molto giocare in spiaggia ma i suoi padroni devono fare molta attenzione che non ingerisca sabbia o corpi estranei come ami e lenze che possono causare lesioni in bocca o agli organi interni.

7. Crema solare anche a Fido

Il mantello di Fido lo protegge dal freddo ma anche dal caldo e dai raggi solari anche se, in caso di esposizione prolungata al sole (una possibilità che, in generale, non è consigliabile anche se cani e gatti amano il sole) meglio utilizzare una crema solare ad alta protezione sulle estremità, come le punte delle orecchie, per prevenire scottature ed eventuali tumori cutanei.

8. Ricordate gli anti-parassitari

Durante tutta la stagione calda è indispensabile applicare regolarmente un antiparassitario (anche un prodotto naturale) ai nostri amici pelosi perché, si sa, pulci e zecche sono veicolo di tante patologie.

9. Attenzione alle punture

Al di là di pulci e zecche, poi, è bene prestare attenzione anche alle punture di insetto (per esempio delle api) che possono causare reazioni allergiche pericolose. Di fronte a un gonfiore insolito, all'improvviso arrossamento della pelle o al prurito è quindi consigliabile contattare subito un veterinario.