News :
wamiz-v3_1

Che razza di cane fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Il gatto porta animali morti in casa? Arriva la soluzione! (Video)

gatto davanti una gattaiola chiusa © YouTube @Ignite Seattle

I gatti sono soliti portare in casa dal giardino carcasse di piccoli animali, come uccelli e topi, talvolta anche vivi: un’intelligenza artificiale può impedire al nostro cacciatore di entrare in casa con la preda.

Di Serena Esposito, 4 lug 2019

Ben Hamm è un ingegnere di Amazon: il suo gatto Metric rientra spesso a casa con in dono un piccolo animale vivo o morto. L’ingegnere ha presentato il suo progetto durante una conferenza a Seattle, negli Stati Uniti.

I tentativi vani 

«Ho cercato di fermarlo indossando collane con campane, facendo condizionamento operante (un metodo d’apprendimento, ndr), dandogli più cibo. Niente ha funzionato», spiega Ben Hamm alla conferenza. Così ha deciso di creare una gattaiola (porta per gatti) intelligente.

L’AI della gattaiola

La porta per gatti ideata da Hamm funziona mediante un sistema di intelligenza artificiale (AI): l’ingegnere ha raccolto 23.000 scatti del suo gatto con o senza preda e, attraverso l’apprendimento automatico, l’AI ha imparato a distinguere se il cacciatore ha o meno il tributo con sé.

In caso affermativo, la porta si blocca e non lascia entrare il gatto in casa, inviando al cellulare di Hamm una immagine della scena. In questo modo l’ingegnere può verificare se si tratta di un errore tecnico. Metric ad esempio può aver catturato un orsacchiotto di peluche.
Il meccanismo è ingegnoso e piuttosto efficiente, con ottima resa in termini di tempo. Inoltre, quando l’AI crede che il gatto abbia ucciso un animale (un uccellino ad esempio), avverte il suo proprietario ed invia anche una donazione automatica ad una associazione di protezione degli uccelli.


Questa potrebbe essere la soluzione intelligente e solidale per i tributi indesiderati dei nostri amici felini: bisognerà attendere ancora un po' perché venga perfezionato per funzionare con tutti i gatti e in tutte le case. Intanto complimenti a Ben Hamm per la sua invenzione geniale!