TEST: Che razza di gatto fa per te?😻😻

Pubblicità

Una nuova vita per i cani dei canili: l’iniziativa (Video)

cagnolino meticcio con collare rosso dog-happy
© Youtube @ Tv2000it

Il progetto è nato nel 2013, è cominciato ufficialmente nel 2014 e va ancora oggi avanti. Si tratta di dare una nuova vita agli animali del canile. Una bellissima iniziativa che non può che far del bene.

Di Anna Paola Bellini , 12 lug 2019

Asti (Piemonte). Per scongiurare il problema del sovraffollamento dei canili è nato qualche anno fa un progetto, che ancora oggi va a gonfie vele, che prevede l’addestramento di cani che sono stati abbandonati. Ecco la storia di questa meravigliosa iniziativa.

L’Unità cinofila

Nel 2000 nel carcere di Asti nasce il primo distaccamento dei Cinofini del corpo di Polizia penitenziaria. Qualche anno dopo, viene formato il promo corso in cui istruttori cinofili cominciano a formare i cani alla ricerca di sostanze stupefacenti.

Comincia così l’avventura della formazione di Unità cinofile specializzare nell’antidroga, ma la vera svolta ha inizio nel 2013 grazie all'idea di un istruttore cinofio.

Il progetto

Angelo De Feo, protagonista del video qui sotto, istruttore Cinofilo e responsabile del Centro di Addestramento di Asti, ha avuto, proprio in quell’anno, un’idea brillante. Per scongiurare la crisi economica e la mancanza di fondi per l’acquisto di cani, De Feo decide di rivolgersi ai canili della zona per reclutare i futuri componenti dell’unità cinofila.

«Ho pensato di intraprendere questa avventura – ha dichiarato De Feo - in accordo con la mia Amministrazione, che ha dimostrato una grande lungimiranza. L’interesse era alto, purtroppo i soldi scarseggiavano, cure, vaccini, cibo, prevenzione. Ci siamo guardati intorno e abbiamo iniziato con 6 cani, 4 presi in un canile e due da famiglie che non potevano più tenerli. Venne anche Striscia la Notizia. Quei cani sono ancora operativi, con i soldi che risparmiamo, riusciamo a formare elementi di ottimo livello e allo stesso tempo garantire una esistenza dignitosa a cani che magari hanno vissuto momenti duri e difficili. Sono cani anche molto motivati.»

Da quel momento, il numero dei cani cresce sempre più: raddoppia nel 2015, fino ad arrivare (ad oggi) a 50 esemplari. 

Il Centro Addestramento Cinofili Antidroga si trova all’interno del carcere Quarto d’Asti. La scuola nazionale istruisce cani antidroga utilizzati su tutto il territorio nazionale.