News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

Pubblicità

Obbligo di pulire anche la pipì dei cani: l'ordinanza

cane-che-fa-pipi
© Pixabay

A seguito delle continue lamentele, ad Ancona entra in vigore un’ordinanza per i proprietari di cani: anche le deiezioni liquide vanno pulite, pena una sanzione fino a 550 euro.

Di Coryse Farina, 23 lug 2019

La mozione dei Verdi del 18 marzo scorso, ha avuto un seguito e il Consiglio comunale ha approvato l'ordinanza che obbliga i proprietari di cani a pulire immediatamente oltre alle feci, anche tutte le deiezioni liquide negli spazi pubblici.

Il nuovo obbligo prevede dunque che tutti i possessori di cani, dovranno portare con sé, oltre alle buste per il raccoglimento degli escrementi, anche delle bottiglie d’acqua naturale da cospargere lì dove l’animale fa i bisogni. 
Nulla di complicato o irrealizzabile quindi, e per tale ragione, i trasgressori rischieranno delle aspre sanzioni: dai 77 a 550 euro di multa. 

L’approvazione dell’ordinanza è avvenuta a seguito delle numerose lamentele e segnalazioni dei cittadini di Ancona.
Nell’ordinanza infatti, si può ben leggere come gli anconetani «hanno evidenziato un disagio determinato dagli inconvenienti igienico-sanitari derivati dalla accertata e frequente presenza di deiezioni liquide di cani, lasciate dai proprietari su muri di affaccio e soglie di edifici pubblici e privati, su pneumatici di automobili parcheggiate, motocicli e simili, su altri spazi di arredo urbano destinati alla socializzazione di adulti e bambini».

Non solo ad Ancona

L’ordinanza appena approvata ad Ancona non è la prima in Italia. Si registrano infatti numerose città il cui provvedimento è già entrato in vigore diversi anni fa.

Alcuni esempi sono Rieti, nel Lazio, ma anche Piacenza, in Emilia-Romagna, Muggia nel Friuli-Venezia Giulia o Torino, in Piemonte e pian piano si estenderà a tutto il territorio italiano.

L’amore per gli animali è davvero importante, ma lo è altrettanto il decoro della città. Un luogo pulito, è più vivibile e la raccolta delle deiezioni dei propri animali è doverosa sia per ragioni di decoro che di igiene.