News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

PubblicitĂ 

Lazzaro, il gatto disabile salvato dall'amore (Video)

gatto con disabilitĂ  motorie
© Facebook @Elena Pecchi

A causa della sua disabilità, dovuta alla toxoplasmosi contratta da cucciolo, Lazzaro ha una vita più simile a quella di un cane - perché non è indipendente – ma felice e piena d’amore.

Di Serena Esposito, 29 lug 2019

In ipotermia e completamente paralizzato, pensavano fosse morto quando lo hanno raccolto in un campo nella provincia di Arezzo nel novembre del 2013. E invece Lazzaro ha sorpreso tutti e oggi quel cucciolo spaventato è diventato un gattone dolcissimo, felice nonostante la sua disabilità.

L’inizio della nuova vita

Lazzaro non è un gatto indipendente, ma nonostante questo Elena Pecchi non ha mai smesso di credere in lui e a incoraggiarlo a migliorare. Quando ha saputo che si trovava da un mese chiuso in una gabbietta dal veterinario e che presto sarebbe stato soppresso, non ci ha pensato due volte: lo ha accolto in affido temporaneo nella sua casa di Arezzo per aiutarlo a tornare a camminare e rimetterlo in forma prima di darlo in adozione.

Ma «ci siamo innamorati perdutamente, sarebbe stato impossibile darlo via», racconta Elena, che da allora fa di tutto per permettere a Lazzaro una vita piena.

La riabilitazione

La disabilità di Lazzaro è stata causata dalla toxoplasmosi contratta da cucciolo, che gli ha portato problemi agli arti. Inoltre, quando è stato trovato aveva una frattura allo sterno, che ha aggravato la sua postura. Arrivato a casa, ha iniziato un percorso riabilitativo in Val di Chiana, con esercizi in acqua e tapis roulant. Ha avuto dei miglioramenti, ma in seguito ad una frattura al gomito anteriore sinistro - dovuta ad una caduta dal quarto piano - le difficoltà motorie sono aumentate.

Lazzaro è stato operato cinque volte e adesso riesce a condurre una vita felice, sebbene molto legata al padrone.

L’amore dei suoi umani

«Nonostante la riabilitazione e le attenzioni continue, Lazzaro non è un gatto indipendente. Ha bisogno che qualcuno gli stia sempre accanto. In questi anni abbiamo messo a punto una nostra routine, ci fa capire quando deve fare la pipì e si è abituato a venire con noi ovunque, al mare, in bici, al supermercato... è diventato un gatto-cane. E noi lo amiamo tantissimo per quello che è», racconta Elena.

Una storia di amore e speranza, di ispirazione per ciascuno di noi.

 

Lazzaro Monday Mix XOXO Storpio

Posted by Il blog del gatto perimetrale on Monday, July 15, 2019