News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Donna arrestata perché... dava da mangiare ai gatti di strada!

gatto cammina in un parco © Shutterstock

Una donna di 79 anni è stata condannata ad una pena detentiva per aver distribuito cibo agli animali randagi del suo quartiere. Vediamo cosa è successo.

Di Anna Paola Bellini, 11 ago 2019

Garfield Heights (Ohio, Stati Uniti). Nancy Segula, residente del posto di 79 anni, è stata condannato a una pena detentiva di più di una settimana. Il suo crimine? Aver distribuito continuamente dei pasti ai felini perduti del quartiere: in questo stato americano questo atto è considerato un reato minore.

Aiutare i gatti abbandonati 

La signora ha spiegato il suo gesto: «Nel mio vicinato ci sono alcuni gatti abbandonat a loro stssi, li nutrivo quotidianamente e me ne prendevo cura perché ero preoccupato per loro e sono un'amante dei gatti». 
Un giorno, spiega, i suoi vicini si sono arrabbiati e l'hanno denunciata. All'annuncio del verdetto, suo figlio, Dave Pawlowski, ha dichiarato a Fox 8

«Non potevo credere a ciò che mia madre mi stava dicendo: che passerà dieci giorni nella prigione della contea, è incredibile».

In effetti, è difficile credere che si può finire dietro le sbarre per aver distribuito crocchette a gatti abbandonati e affamati nel nostro quartiere. 

Altre condanne

Secondo la protagonista della storia si sarebbero verificati anche altri casi del genere.  Ad esempio, anche un'altra residente della città ha ricevuto più citazioni in giudizio per gli stessi crimini commessi da Nancy e recentemente è stata condannata a 10 giorni di carcere.

Si tratta, come ha detto la stessa Segula di «una punizione troppo pesante, mentre ci sono così tante persone che fanno cose cattive».

Il lieto fine

Nonostante l'arresto e la denuncia, la donna non dovrà scontare la pena carceraria poiché, dopo le mobilitazioni nate in seguito alla notizia, gli animali nutriti sono stati recuperati dalle autorità locali, sterilizzati e affidati a delle famiglie disposti ad accoglierli. In questo modo il vicinato è stato liberato da evenutali problemi e si sono, quindi, placate le ostilità nei confronti di Nancy.