News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

Pubblicità

Vaccino contro l'allergia ai gatti: HypoCat è in arrivo

gattino tenero in primo piano
© Pixabay

Dopo 10 anni di sperimentazioni in vitro HypoCat è stato somministrato a 54 mici: si tratta del vaccino che potrebbe rendere anallergici i gatti. La ricerca inizia a portare i primi risultati.

Di Eleonora Chiais, 14 ago 2019

Si chiama HypoCat e potrebbe rivoluzionare la vita di molti. Il primo vaccino contro l'allergia al gatto (da iniettare ai gatti stessi) potrebbe, infatti, renderli anallergici facendo sì che anche chi soffre di questo disturbo non sia costretto a rinunciare alla compagnia felina. Ecco cosa c'è da sapere.

Allergia ai gatti: un problema per molti

Stando ai dati disponibili, infatti, almeno 1 persona su 10 patisce (in maniera più o meno acuta) di allergia ai gatti, disturbo che colpisce anche la metà (il 50%) dei bambini asmatici.

Per ovviare a difficoltà respiratorie più o meno intense, pruriti e irritazioni varie, così, tutte queste persone sono costrette a rinunciare alla compagnia micesca (o, in alcuni casi, ad optare per le razze dei gatti anallergici).

HypoCat: a che punto è la ricerca?

Proprio a loro si rivolge HypoCat, il vaccino da iniettare ai mici che potrebbe - secondo quando è stato riportato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology - intervenire direttamente sulla proteina che funge da allergene e oggi è già in fase di sviluppo avanzato.

Nessun rischio per i mici (ovviamente)

Prima di tutto è bene sottolineare che, ovviamente, questo vaccino non è affatto rischioso per la salute dei gattini, ma è importante anche dire che si tratta di un prodotto che immunizzerà i gatti domestici (permettendo loro di continuare a vivere in casa anche con padroni allergici) ma vicino ad altri gatti non vaccinati l'allergia continuerà a manifestarsi in chi ne soffre.

Quando arriverà il vaccino?

C'è ancora tempo, però, prima di correre dal veterinario a cercare il vaccino.

La prima parte della ricerca, infatti, è stata condotta in vitro (con buoni risultati) nel corso degli ultimi 10 anni e, al momento, sono stati sottoposti alla sperimentazione 54 gatti. Tra questi, però, non tutti hanno manifestato la totale eliminazione dell'allergene e dunque gli studi devono ancora continuare. Stay tuned!