News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Paura degli esami in ospedale? Fido dà una zampa! (Video)

Leo accanto alla macchina dei raggi x © YouTube @University Hospital Southampton NHS Foundation Trust

Tra le corsie dell’Ospedale Pediatrico di Southampton operano sei fantastici Golden Retriever, i "dog-tors", che sono anche protagonisti dei video che aiutano i piccoli pazienti a non aver paura di visite e esami.

Di Eleonora Chiais, 4 set 2019

Gli esami in ospedale, si sa, fanno un  po' paura ai piccoli pazienti, ma nell'Ospedale Pediatrico di Southampton c'è una squadra di cani coraggiosi e gentili (i "dog-tors") che sono pronti a dare una zampa... anche in video! Ecco cosa fanno.

I dog-tors dell'Ospedale Pediatrico di Southampton

I dog-tors sono sei (Milo, Hattie, Quinn, Jessie, Leo e Archie, tutti bellissimi Golden Retriever) e visitano l'ospedale anche cinque volte alla settimana grazie alla collaborazione di un team di volontari. 

Oltre a proporre la pet-therapy "classica" ai piccoli pazienti, però, questi specialissimi dottori a quattro zampe li aiutano anche a superare la paura delle visite e degli esami. Come? Facendoli loro stessi davanti alle telecamere per far capire ai loro piccoli amici che non c'è davvero nulla da temere.

I sei “dog-tors”, infatti, sono diventati i protagonisti di video e foto scattate mentre utilizzano attrezzature mediche come i raggi x e le risonanze magnetiche ma anche la macchina dell'ecografia che, spiega la padrona dei cani Lyndsey Uglow

«è l’esame preferito di Jessie perché è molto felice di mettersi a pancia in su e farsi sfregare la pancia».

L'inizio di questa bella storia

I risultati sono sotto gli occhi di tutti e, a sette anni di distanza dall'inizio, il progetto può dirsi ormai un autentico successo. L'inizio? Quasi casuale, secondo quanto racconta l'amica a due zampe dei simpatici cagnoloni.

Tutto è iniziato, infatti, quando un ragazzo in ospedale aveva bisogno di indossare una maschera e, non avendola mai usata prima, era un po' spaventato dalla novità.

«Uno dei cani da terapia - ricorda Lyndsey Uglow - è stato felice di infilare il naso in una maschera di riserva e dare una annusatina».

E non appena il piccolo ha visto che il cane stava "usando" la maschera ha subito voluto provare anche lui. Il resto è (una bella) storia.