News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Stop al consumo di carne di cane: l’Italia in prima linea

genlin-e-michela-brambilla-con-cane © Facebook @Michela Vittoria Brambilla

Ogni anno 30 milioni di cani vengono uccisi per consumarne la carne. Genlin, regista giapponese e fondatore della World Dog Alliance, sta cercando di far cambiare la situazione nel mondo. E l'Italia si schiera al suo fianco.

Di Grazia Fontana, 18 ott 2019

30 milioni. Questo il numero di cani che ogni anno vengono macellati in Asia per quella che è una delle pratiche più orrende del mondo: il consumo di carne di cane.

Le statistiche hanno dimostrato che la carne di Fido è la quarta in Corea in ordine di consumazione, subito dopo maiale, manzo e pollo. Ma Corea e Cina non sono gli unici paesi: anche in Giappone sono presenti almeno 100 ristoranti che contengono carne di cane nel menù e la paradisiaca Bali è, in realtà, l’inferno dei poveri quattrozampe.

L'obiettivo di Genlin

Per combattere questa pratica oscura, il regista giapponese Genlin ha promosso un documentario intitolato Eating Happiness che mostra con ricerche e interviste quanto la situazione sia drammatica. E non solo. Genlin è anche il fondatore di World Dog Alliance, la prima organizzazione che mira al divieto mondiale del consumo di carne di cane.

Genlin, però, non insiste solo sui paesi asiatici: il regista, infatti, fa pressioni anche ai governi occidentali per far sì che diano l’esempio agli altri paesi. Il fondatore della WDA è riuscito, infatti, a far approvare il divieto di consumo di carne di cane negli Stati Uniti.

«Quando qualche anno fa ho iniziato la mia campagna negli Usa mi prendevano per pazzo perché volevo far votare al Congresso una legge su un tema che sembrava così lontano da Washington. La dichiarazione pubblica di Trump, che ne ha rivendicato con orgoglio l’approvazione, è invece il segno di come i tempi siano ormai maturi. La storia non si può più fermare».

E non solo, Genlin è riuscito anche a convincere il governo britannico a far pressioni in Asia per chiudere un famosissimo mercato di carne di cane.

Il premio della LEIDAA

Adesso tocca all’Italia. In visita a Milano per ricevere dall’Onorevole Michela Brambilla il premio “International Dog Lovers Award”, Genlin si è schierato al fianco della presidente della LEIDAA, Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente.

«Seguo Michela come un esempio. Sono orgoglioso che l’Italia abbia un Onorevole come lei, che ha scelto la politica per poter cambiare la vita degli animali».

La proposta di legge della Brambilla

Durante la conferenza stampa tenutasi a Milano giovedì 17, infatti, l’on. Brambilla ha, invitato tutti gli italiani a sostenere la proposta di legge AC1720 per introdurre un divieto esplicito di consumare carne di cane e sanzionare con multe fino a 50.000 euro e con un anno di reclusione.

«Benché non vi siano sostanzialmente esempi del consumo di carne canina o felina in Italia, se non alcuni casi sospetti e comunque sporadici o riconducibili al comportamento di squilibrati – ha dichiarato la Brambilla - appare necessario introdurre il divieto esplicito di consumarle, rafforzato da adeguate sanzioni penali, per dare pieno riconoscimento al ruolo degli animali d’affezione nella nostra società e per contribuire ad affermare il principio a livello internazionale. È esattamente la strada intrapresa da altri paesi europei, come l’Austria e la Germania, o di cultura occidentale».

 

A MILANO PREMIATO GENLIN, CHE IN TUTTO IL MONDO SI BATTE CONTRO IL CONSUMO DELLA CARNE DI CANE: “AIUTATECI A FERMARE...

Posted by Michela Vittoria Brambilla on Thursday, October 17, 2019

In quali paesi è vietato il consumo di carne di cane?

Il divieto di mangiare carne di cane è già stato introdotto in diversi paesi del mondo, tra cui:

  • Hong Kong
  • Taiwan
  • Filippine
  • Australia
  • Austria
  • Germania
  • Gran Bretagna
  • Stati Uniti

Si spera che le iniziative di questi paesi e dell’Italia ne ispirino altri fino a poter cambiare la situazione nel mondo intero.