Pubblicità

La moda del cane-peluche fa il suo ritorno per Halloween

cani con pelo colorato dog-angry

Per Halloween sono tanti i proprietari che decidono di colorare il proprio animale.

© Instagram

Non per tutti è ancora chiaro che gli animali sono esseri senzienti e c'è chi tende a trattarli come peluche. Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Elena Borrione.

Di Grazia Fontana

Pubblicato il

Avere un animale implica grandi responsabilità e l'adozione, pur quanto sia un gesto nobile, non è da prendere alla leggera e bisogna porsi le domande giuste prima di fare il grande passo.

Una di queste domande è: voglio davvero un cane o mi accontento di un peluche? Perché gli animali sono esseri senzienti e non giocattolini. Cosa abbastanza evidente per noi amanti degli animali. Ma non lo è per tutti purtroppo.

Nuove assurde mode

I social hanno contribuito alla diffusione di strane mode, create più per il divertimento dell'umano, che del cane. Una di queste è l'artistic grooming. Attenzione, la "toelettatura artistica" è sempre esistita: tagliare il pelo del proprio animale è una cosa normalissima e, in vari casi, necessaria.

Il problema nasce quando si vuole "umanizzare" l'animale, colorando il suo pelo oppure creando una nail art a tema.

«Le tinte utilizzate sono atossiche ma questo non esclude il rischio che compaiano reazioni allergiche o si sviluppino dermatiti», ci ha spiegato la veterinaria comportamentalista Elena Borrione.

E la moda impazza ancor di più in certi periodi dell'anno, come quello di Halloween, in cui diversi padroni si divertono a travestire i propri cani e gatti, che non appaiono affatto contenti di vedere il loro pelo modificato o le loro zampette costrette in degli abiti stretti.

La reazione degli animali

L'olfatto, poi, è il senso più sviluppato dei nostri amici cani: come potrebbero reagire dunque sentendo il loro stesso odore modificato? E come reagirebbero poi i loro simili alla vista di uno strano essere tutto colorato? Bisogna pensare che la modifica della specie è sia visiva che olfattiva:

«La percezione che ne possono avere gli altri cani può quindi risultare alterata e scatenare delle reazioni aggressive nei loro confronti. Anche il cane che subisce questo tipo di toeletta può non riconoscersi nella sua nuova condizione e provare un estremo disagio», ci spiega la dottoressa Borrione.

Ma non è tutto: gli utenti del web, vedendo il successo di tali immagini e video e i consigli di certi "groomer" (perché definirli toelettatori sarebbe scorretto nei confronti di chi esercita questo mestiere degnamente e nel rispetto dell'animale), potrebbero essere "motivati" all'adozione, solo per "giocare" con il loro nuovo peluche vivente.

«Per fortuna la toelettatura artistica è una moda che non ha ancora raggiunto il territorio italiano. È più una moda americana. Ma sicuramento attraverso i social media i confini rischiano di assottigliarsi e il rischio che possa prendere piede anche qui da noi non è da escludersi», ci avverte la Dott.ssa Borrione.

Suggeriamo a chiunque voglia provare questa nuova moda di fare l'esperienza inversa andando dal proprio parrucchiere a farsi colorare i capelli arancioni e verdi a mo' di zucca: risultato divertente?

Leggi anche: Nuova tendenza: colorare con brillantini i testicoli dei cani

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare