News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Le tristi condizioni dei cani poliziotto in una caserma di Bologna

cane poliziotto © Shutterstock

I sindacati di polizia denunciano la terribile situazione che i 10 cani poliziotto di una caserma di Bologna, sono costretti a vivere. La richiesta è quella di intervenire per cambiare presto le cose.

Di Nina Segatori, 25 ott 2019

Spesso osannati in missione, ma poi tenuti in condizioni faticose e non dignitose: questa la denuncia del SIULP, il Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia, riguardo i cani poliziotto della caserma Prudentino di Bologna. Una situazione che deve cambiare al più presto.

Gabbie fredde e piccole

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, dieci agenti a 4 zampe del comando di Bologna purtroppo sono costretti a passare i momenti di riposo in un ambiente fatisciente e freddo, a causa della mancanza di riscaldamento. Una condizione ben nota e più volte denunciata dalla Questura della città e che ora i sindacati della polizia sono intenzionati a risolvere una volta per tutte.

A dare voce alla denuncia, il segretario del Siulp Bologna, Amedeo Landino:

«Non troviamo giusto che i nostri colleghi a quattro zampe, spesso osannati quando collaborano in importanti operazioni non abbiano un luogo idoneo dove riposare e passare il loro tempo». 

Interventi e provvedimenti

Tra gli interventi necessari c'è sicuramente l'installazione di un impianto di riscaldamento, che possa migliorare le condizioni dei box in inverno. Così è stata scritta una lettera al Provveditorato interregionale per le opere pubbliche di Lombardia e Emilia-Romagna, richiedendo un intervento immediato.

Il Provveditorato ha accolto subito la richiesta: il piano, che prevede 135 mila euro necessari a realizzare, tra le altre cose, anche un pavimento riscaldato e nuovi box, è già stato approvato.  

«Troviamo assurdo dover vivere una situazione per la quale sarebbe necessario l’intervento dell’ENPA - ha commentato il segretario del Sindacato Autonomo di Polizia, Tonino Guglielmi -  E questo nonostante il grande impegno dei colleghi che provano a trattare al meglio i nostri animali e che non hanno nemmeno gli spazi idonei per le esercitazioni».

Si spera che i dieci cani poliziotto, di cui sette specializzati nel ritrovamento degli esplosivi e tre antidroga, possano presto poter riposare in luoghi degni di loro.