Pubblicità

piccolo cane nero di razza Bulldog

Ancora una storia di crudeltà verso gli animali...

© Shutterstock / Alberto Stocco

Ubriaco, getta il cane dalla finestra: l'animale, gravemente ferito, è stato soppresso

Di Francesca Discepoli Redattrice

Pubblicato il

Il cane, un incrocio di Bulldog, è stato accolto dal canile della zona in condizioni critiche, secondo quanto riferito dalla polizia francese.

È una storia di maltrattamento verso gli animali davvero agghiacciante quella accaduta in Francia alla fine di gennaio 2023.

Un uomo di 39 anni ha gettato il suo cane, un incrocio di Bulldog di due anni, da una finestra del quinto piano, secondo quanto riportato dal giornale Les Dernières nouvelles d'Alsace.

Ubriaco fradicio

È stata una passante a dare l'allarme intorno alle 9 del mattino del 30 gennaio 2023 nel quartiere Neuhof di Strasburgo dopo aver visto il cane cadere dai piani alti di un edificio. Ha gridato aiuto affinché qualcuno potesse chiamare i vigili del fuoco. 

Il proprietario, trovato in stato di manifesta ubriachezza con un livello di alcol nel sangue pari a 1,8 g per litro, è stato arrestato dalla polizia.

Il cane non ce l'ha fatta

L'animale è stato condotto immediatamente da un veterinario. Presentava fratture alle zampe posteriori e gravi lesioni interne

A causa delle ferite riportate, il povero Moka, 2 anni, ha dovuto essere addormentato per sempre: «Il suo padrone risponderà a breve delle sue azioni in tribunale», ha dichiarato la polizia in un tweet.

Si ricorda che, in Italia, «chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche ecologiche è punito con la reclusione da tre a diciotto mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro».

Leggi anche: Pistoia: massimo della pena per l’uomo che uccise il cane della fidanzata

Altri articoli su...

Cosa ne pensi di questa notizia?

Grazie per il tuo feedback!

Grazie per il tuo feedback!

Lascia un commento
Collegati per commentare
Vuoi condividere questo articolo?