News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Allevamento lager in Sicilia, denunciato cacciatore

Cane dietro a una rete

I controlli della polizia a Calatabiano hanno portato alla chiusura di un allevamento lager.

© Pixabay

L’intervento mirato della polizia a Calatabiano, nel catanese, ha permesso agli agenti di liberare due cavalli e 43 cani tenuti in condizioni igieniche decisamente critiche. 

Di Eleonora Chiais, 12 nov 2019

Vivevano in condizioni igieniche raccapriccianti al piano terra di un’abitazione dove un uomo - il cacciatore S.G., ora denunciato per maltrattamenti - li aveva confinati.

L’intervento mirato della polizia a Calatabiano, nel catanese, ha portato alla chiusura dell’allevamento lager.

Incarcerati nei locali fatiscenti

Lo spettacolo che gli agenti si sono trovati davanti al momento del controllo era, secondo quanto riporta Il Messaggero.it, davvero raccapricciante.

I due cavalli, infatti, erano evidentemente in stato di denutrizione e ricoverati in condizioni igieniche pessime. Simile la quotidianità dei cani che, costretti nei locali fatiscenti al piano terra dell’abitazione dell’uomo, erano lasciati senza luce né acqua.

I cuccioli e la testa di cinghiale

Non solo, però. Durante la perquisizione, infatti, gli agenti si sono trovati davanti anche una piccola gabbia dove vivevano alcuni cuccioli costretti ad alimentarsi con la testa di un cinghiale (una pratica utilizzata in passato per forzare l’attitudine alla caccia dei cani).

Gli animali sono stati liberati

L’intervento della polizia ha permesso agli animali di abbandonare l’allevamento lager: ora i due cavalli e i 43 cani sono stati affidati alle autorità comunali competenti, mentre il responsabile di questo scempio è stato denunciato per maltrattamenti.