News :
Wamiz Logo

Che razza di cane fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Il gatto ha molte espressioni facciali, ma noi sappiamo interpretarle?

gatto-sulla-neve-con-lingua-di-fuori

E questo strano micione...cosa starà pensando?

© Shutterstock

I gatti sono davvero animali misteriosi e imperscrutabili? Lo studio condotto dall’Università di Guelph, in Ontario, prova a sfatare questo clichè, dimostrando che anche i felini comunicano attraverso le espressioni facciali.

Di Flavia Chianese , 5 dic 2019

Dopo migliaia di anni di addomesticazione e una bella manciata di video divertenti su Youtube, abbiamo imparato a leggere alla perfezione il body language dei nostri gatti: fusa e coccole per dire sì, pelo arruffato e schiena inarcata per dire no.

Ma quanto sappiamo invece del loro linguaggio facciale e di quanto ancora possono comunicarci attraverso di esso? Scopriamolo!

Lo studio comportamentale

Lo studio, condotto dalla biologa comportamentale Georgia Mason, è nato dalla voglia di scavare a fondo nel contorto mondo dei nostri amati felini:

«I gatti ci dicono cose con i loro volti, e se sei davvero bravo puoi riuscire a comprenderle», sostiene la ricercatrice dell’Ontario nell’intervista al Washington post.

Il test ha coinvolto oltre 6000 persone da tutto il mondo: dopo aver guardato 20 brevi video di gatti, bisognava indovinare se l’espressione del micio in questione era positiva o negativa. Nulla di più semplice, eppure, il tasso di successo è stato inferiore al 60% per la maggior parte dei partecipanti. Solo il 13% è riuscito ad ottenere un buon punteggio, con il 75% di risposte corrette

Chi interpreta meglio le espressioni dei gatti?

Il 75% dei partecipanti al test erano donne, le quali hanno dimostrato di saperne di più sulle emozioni feline rispetto agli uomini (ma non di molto!). I giovani sono stati più empatici degli anziani, ed anche loro hanno ottenuto discreti punteggi, ma a fare la differenza sono stati gli intenditori di gatti per eccellenza: i veterinari, rinominati per l’occasione “coloro che sussurrano ai gatti”.

Vocazione o esperienza? Non ci è dato saperlo, ma ciò che sappiamo è che è possibile “affinare” la tecnica di interpretazione delle loro espressioni, facendola diventare, per noi padroni e per i veterinari, un prezioso strumento per monitorare e garantire il benessere dei nostri morbidi e pazzi amici!