News :
Wamiz Logo

Che razza di cane fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Finalmente una buona notizia per i cani delle forze armate in pensione

cane militare al guinzaglio

Assistenza veterinaria gratuita per cani militari in pensione, arriva la misura dal Consiglio.

© Unsplash

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la misura nell’ambito del riordino dei ruoli e delle carriere del personale militare: i cani delle forze armate non più in servizio potranno godere di assistenza veterinaria gratuita.

Di Serena Esposito , 23 dic 2019

Dopo anni di onorata carriera militare, i cani che affiancano le Forze dell’Ordine hanno diritto ad assistenza veterinaria gratuita: è la decisione del Consiglio dei Ministri, per salvaguardare la vecchiaia degli eroi a 4 zampe.

Cure gratis per cani in pensione

Dal momento in cui cessa il servizio presso il Ministero della Difesa, per gli ex cani militari, poliziotto et similia, le cure dal veterinario saranno a titolo gratuito, per favorirne l’adozione.

La richiesta è arrivata in Parlamento, dopo varie sollecitazioni, per garantire anche ai conduttori, cui spesso viene affidato Fido in pensione, l’assistenza necessaria a prendersi cura di lui.

Il fondamentale ruolo dei cani

Esercito, Carabinieri, Polizia, Finanza: le unità cinofile sono impiegate in operazioni di vario genere, in particolare nell’individuazione di ordigni esplosivi improvvisati (IED), nelle attività antiterroristiche e nelle missioni militari dall’Iraq all’Afghanistan.

«Quando lo libero per mandarlo in cerca di Ied sono un po' in ansia, ma so che è un cane perfettamente addestrato e che non correrà rischi inutili: se sente qualcosa torna subito indietro. Il suo compito è solo quello di individuare l'ordigno, sono altri che poi lo dovranno neutralizzare» racconta un Maresciallo dell’esercito parlando del suo inseparabile Zero.

È grazie ad esemplari come Zero che vengono disinnescati ordigni e salvate vite, ma dopo circa 8 anni di servizio questi eroi a 4 zampe sono esonerati ma rischiano di essere abbandonati.

Da qui, la necessità di venire incontro ai conduttori, che quasi sempre decidono di adottarli, grazie al profondo legame creatosi, per garantire una vecchiaia tranquilla a questi coraggiosi quattro zampe.