News :

Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

ENPA contro Amazon: via gli “stivaletti” anti-graffi per gatti

Gatto con stivaletti anti-graffio cat-sad

L'ENPA contro gli stivaletti anti-graffio per gatti, Amazon rimuove il prodotto.

© ENPA

In vendita su Amazon gli stivaletti anti-graffio per gatti proposti per scongiurare il rischio che il micio di casa si faccia le unghie sui complementi d’arredo. L’ENPA s’indigna.

Di Eleonora Chiais

Pubblicato il 24/01/20, 16:10

Contro l’abitudine di gatti e gattini di farsi le unghie sui complementi d’arredo, Amazon propone degli stivaletti in silicone e scatena l’indignazione dell’Ente Nazionale Protezione Animali.

L’ENPA, dopo aver definito “folle” il prodotto, ha scritto al colosso dell’e-commerce per chiederne l’immediata rimozione. 

Stivali anti-graffi: di cosa si tratta?

Nel mirino sono quindi finiti questi stivaletti anti-graffio: di cosa si tratta? Sostanzialmente gli "oggettini della discordia" sono dei tubetti, realizzati in silicone e chiusi con un piccolo chiodo nello stesso materiale, che avvolgono le zampe dei mici impedendo loro di farsi le unghie.

Ovviamente, assicurano i venditori nella descrizione online, questi guantini rigidi «non influiscono sulla normale vita degli animali domestici».

L'allarme dell'ENPA

Niente di più falso, invece, secondo l'Ente che ha lanciato l'allarme.

«Si tratta in sostanza - si legge infatti nella nota divulgata dall'Associazione - di un mezzo coercitivo che, se applicato per un periodo di tempo prolungato e non per scopi veterinari finalizzati al benessere dell’animale, provoca inevitabilmente nel gatto uno stato di malessere dovuto all'impedimento motorio».

Un "impedimento" che, tra l'altro, può avere conseguenze importanti perché, continua la nota:

«A seconda delle condizioni, potrebbe modificare il naturale comportamento del felino al punto da determinare anche un maltrattamento».

L'epilogo (agrodolce) della vicenda

Dopo la lettera che la direttrice dell'ENPA Carla Rocchi ha inviato ad Amazon, questi conetti sono stati evidentemente rimossi dal portale perché ad oggi risultano "non più disponibili". L'associazione, però, non ha ricevuto alcuna risposta.

«Non abbiamo ricevuto risposte dirette da Amazon - spiega infatti Carla Rocchi su Il Corriere della Sera - ma ci rallegriamo della piacevole coincidenza che ha fatto così che il giorno dopo l’invio della nostra lettera il prodotto è risultato non disponibile».