News :
Wamiz Logo

Che razza di cane fa per te?đŸ¶đŸ¶đŸ¶

PubblicitĂ 

Lucca: la sentenza senza pari del cane di una coppia separata

cane-bracco-italiano-vicino-un-fiume

La sentenza del giudice Michele Fornaciari costituisce un'esclusiva in Toscana.

© Shutterstock (immagine di repertorio)

Quando una coppia decide di porre fine al matrimonio, a "pagarne le spese" sono spesso le persone coinvolte, come i figli. Ma quando invece si ha un cane in famiglia, come si procede all'affido? È l'insolito caso che si è trovato davanti il giudice del tribunale di Lucca.

Di Ilenia Colombo , 28 gen 2020

Dopo la separazione di una coppia di Viareggio, in provincia di Lucca, la donna non concede all'ex marito di vedere il loro 4 zampe, tanto caro all'uomo, che decide di portare il cane in tribunale per risolvere il problema.

L'importanza del cane

Il cane in questione si chiama Caronte ed è un Bracco italiano di 13 anni, adottato circa 4 anni fa dalla (ex) coppia, in un periodo difficile per entrambi.

Il cane quindi aveva un ruolo terapeutico e fungeva in qualche modo da supporto morale e affettivo.

Una sentenza senza pari

Pochi giorni fa, il tribunale civile di Lucca ha accolto, dopo 7 mesi dalla denuncia, la richiesta disperata del 56enne di Viareggio, il quale ha dichiarato che l'ex moglie, da quando si sono separati, non gli ha più permesso di vedere il suo amato cagnolino, molto importante nella sua vita.

Il giudice Michele Fornaciari ha quindi deciso di affidare il cane ad entrambi i "genitori" addottivi: l’uomo potrà vedere Caronte tre volte a settimana, mentre la donna, dovrà farsi carico delle spese legali. L'animale quindi è stato considerato alla pari di un figlio minorenne.

Michela Bertolozzi, l’avvocato e animalista che ha seguito il caso, afferma al corriere.it:

«Prima di questa non c’erano mai state sentenze del genere in Toscana, che equiparassero l’affido di un cane dopo una separazione a quello di un figlio minorenne. Il giudice ha accolto in pieno la nostra tesi e questo mi rende doppiamente felice non solo per il mio cliente, ma anche per il cane che potrà continuare a godere dell’amore di entrambe le persone che lo hanno accudito in questi anni».