TEST: Che razza di gatto fa per te?😻😻

Pubblicità

I cani odiano essere abbracciati e cercano di dirvelo così

ragazzo abbraccia cane dog-serious

I cani non amano gli abbracci come noi umani, perché?

© Pixabay

La comunicazione del corpo negli umani è molto diversa da quella dei cani, gli abbracci ne sono un esempio perfetto: l’uomo li adora, il cane per nulla. Scopriamo insieme come Fido ci chiede di non abbracciarlo.

Di Serena Esposito , 10 feb 2020

Le manifestazioni d’affetto predilette dagli umani sono gli abbracci: il rilascio di ossitocina conseguente ad un abbraccio dona all’uomo un senso di relax, benessere e leggerezza.

Non si può dire lo stesso per il cane, anzi: quando viene abbracciato Fido prova generalmente disagio, con sensibili innalzamenti del suo livello di stress, a causa del fatto che il nostro - seppur amorevole - abbraccio gli limita la libertà di movimento.

Lo studio

Il dottor Stanley Coren della British University of Columbia ha effettuato uno studio pubblicato poi su Psychology Today analizzando 250 fotografie di cani che vengono abbracciati dai loro padroni e indentificando nelle loro espressioni stress o disagio.

Ne è risultato che l'81,6% dei cani mostrava segnali di stress, ansia o disagio, il 7,6% risultava a proprio agio e il 10,8% aveva atteggiamenti neutri.

Tuttavia questi risultati non sono stati sorprendenti per gli esperti di comportamento, ma hanno riaffermato l’importanza della comprensione dei segnali che i cani cercano di darci quando li abbracciamo.

I segnali di disagio

In particolare, all’interno dello studio del dottor Coren, ci sono delle indicazioni per comprendere meglio il linguaggio del corpo del cane, quando cerca di dirci “non abbracciarmi, ti prego”.

Se il cane gira il muso, si lecca le labbra, tiene le orecchie basse, sbadiglia o “sorride” sta cercando di esprimere il suo disagio.

Prestare attenzione alle sue comunicazioni fa parte del prenderci cura di Fido e rispettarlo, possiamo amarlo anche solo accarezzandolo, senza necessariamente abbracciarlo limitandone i movimenti e causandogli disagio: il nostro amico a 4 zampe ce ne sarà grato!