News :
Wamiz Logo

TEST: Che razza di gatto fa per te?­čś╗­čś╗

Pubblicità

Ragazzo cieco cerca di proteggere il suo cane guida nei trasporti (Video)

uomo-cieco-e-cane-guida

Amit è stato vittima di molte discriminazioni, insieme alla sua Kika.

© Twitter @Kika_GuideDog

Un ragazzo inglese cieco ha deciso di far trasportare una videocamera GoPro al suo cane guida. Il suo obiettivo: mostrare le difficoltà che incontra per strada.

Di Ilenia Colombo , 11 feb 2020

 

Sospiri di nervosismo, frasi che insultano, atti di inciviltà... Questa è la seccatura di cui Amit Patel, non vedente, è regolarmente vittima.

Grazie a Kika è "tornato a vedere"

Il londinese 37enne ha perso la vista alcuni anni fa a causa di una malattia degenerativa, il cheratocono, dovendo rinunciare alla carriera di medico.

Il suo cane guida è una femmina Labrador di color sabbia di nome Kika. Da più di un anno, è diventata i suoi occhi. Grazie a lei, Amit Patel può camminare per le strade di Londra e prendere i mezzi pubblici. Ma non sempre senza difficoltà.

In effetti, questo giovane padre è talvolta vittima di diversi atti di ostilità discriminatorie e maleducazione. Il suo cane prende colpi con borse o ombrelli, mentre lui affronta i rimproveri delle persone nervose perché il suo amico a quattro zampe occupa tutto lo spazio sulle scale mobili...

Immagini che mostrano indifferenza o malizia

Amit ha quindi voluto denunciare questi atti mettendo una telecamera GoPro sul dorso del suo cane. Ogni sera, sua moglie guarda i video e pubblica i più significativi sull'account Twitter di Kika. Le immagini, diventate virali, mostrano la pura verità. Ecco alcuni esempi:

«Quanti impiegati dei trasporti dobbiamo incontrare prima che uno di loro ci offra assistenza?».

«Questo è quello che vedo quando porto papà sulle scale mobili».

Nonostante sul treno ci sia una sezione per disabili, i passeggeri si sono rifiutati di cedere il loro posto a sedere per Amit, che era, come sempre, in compagnia di Kika. Il non vedente è dovuto stare appoggiato alle porte per tutta la durata del viaggio, circa 25 minuti. Inoltre, non riuscendo a trovare un palo a cui aggrapparsi, ha rischiato di cadere diverse volte.

Per non parlare di Kika, la cui coda è stata calpestata più volte dai passeggeri. Un viaggio non facile nemmeno per la quattrozampe.

«La gente non si rende conto di quanto sia difficile il lavoro per Kika... Se lei non riesce a concentrarsi perché non può sdraiarsi, non può tenermi al sicuro», ha detto Amit a The Evening Standard.

Fortunatamente, Amit Patel vuole essere obiettivo: nelle numerose interviste rilasciate, insiste sul fatto che solo l'1% della popolazione è scortese e arrogante.

«Il più delle volte, i viaggiatori si divertono con Kika», afferma il ragazzo.