Tutti gli annunci di adozione🐶

PubblicitĂ 

Quarantena per la fondatrice italiana di Save The Dogs in Romania

donna con cane dog-sad

Donna italiana costretta alla quarantena in Romania

© Facebook @Sara Turetta

In Romania c'è paura per il Coronavirus, tanto che la fondatrice di Save The Dogs è stata spinta a mettersi in quarantena volontaria. Senza poter neppure uscire non può accudire gli animali.

Di Nina Segatori , 6 mar 2020

La fondatrice di Save The Dogs, un'associazione per animali abbandonati che ha sede nel nord est della Romania, è costretta a stare lontano dai suoi animali, dopo essere rientrata da Milano.

Paura Coronavirus

Sara Turetta è la fondatrice del centro che ogni anno si occupa di animali abbandonati. Non solo 150 cani, ma anche asinelli, cavalli e gatti. A raccontare sul Corriere.it la disavventura di cui è protagonista da quando è rientrata da Milano in Romania è proprio lei: 

«Quando sono arrivata, credevo di poter stare a contatto con i nostri animali. L’indicazione è stata chiara: devo stare in casa e neppure uscire all’aria aperta. Quindi la mia quarantena purtroppo è senza gli animali, di cui si occupa il nostro numeroso staff».

Quarantena volontaria

Non appena atterrata in Romania, Sara ha capito subito che qualcosa non andava, quando ad accogliere lei e gli altri passeggeri del volo hanno trovato una schiera di militari con la mascherina. Conseguenza di un annuncio dato pochi minuti prima dagli altoparlanti:

«Nessuno di noi poteva immaginare che pochi minuti prima il ministro della Salute rumeno, lo stimato Raed Arafat (di origini siriane), abbia dichiarato la quarantena domiciliare volontaria per tutti coloro che provengono da Lombardia e Veneto e quella obbligatoria per i passeggeri residenti nella zona rossa».

Così per due settimane Sara è costretta a stare chiusa in casa, senza avere la possibilità di prendersi cura dei suoi animali. Fortunatamente il centro vanta un buono staff che si sta occupando di tutto, anche di lei.

 

Aprile 2019. Il primo incontro con Amelie, in una baraccopoli Rom. April 2019, my first meeting with Amelie, who became my dog. She was chained in a gipsy neighborhood.

Posted by Sara Turetta on Tuesday, January 7, 2020