Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Coronavirus e cani e gatti: le spiegazioni del veterinario

cane con mascherina dog-cat-serious

Domande e risposte su coronavirus e cani e gatti.

© Shutterstock

Abbiamo intervistato il veterinario francese Thierry Bedossa, per chiarire la delicata situazione sui proprietari di cani e gatti che si trovano ad affrontare di fronte al Coronavirus. Inoltre, vi forniamo alcune informazioni utili sull'argomento elencate dalla Lav.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 20/03/20, 19:00, aggiornato il 10/09/20, 11:49

Il Coronavirus continua a diffondersi in modo incontrollato dappertutto, specialmente nel territorio italiano.

Secondo i dati aggiornati sul sito web de Il Sole 24 ore, l'Italia si trova al primo posto per decessi causati dal Covid-19 con 3405 persone decedute solo in Italia, per un totale di poco più di 10.000 morti in tutto il mondo.

Una situazione che ha provocato lo stato di emergenza in tutto il Paese da diverse settimane e che mette molte famiglie con cani e gatti in difficoltà non sapendo cosa fare con i loro animali essendo pieni di dubbi su questo delicato argomento.

Coronavirus e cani e gatti: alcuni chiarimenti

Ci sono troppe domande che ci poniamo riguardo a questo virus, ma per fortuna possiamo dare ad alcune di esse delle risposte per aiutarti ad affrontare la situazione.

Abbiamo parlato con Thierry Bedossa, un veterinario della Clinica veterinaria di Pont de Neuilly (Parigi), che ha risposto a tutte le domande che riguardano maggiormente i proprietari di animali domestici in relazione al Covid-19.

donna-con-cane-vicino-indossa-mascherina
Importanti chiarimenti su coronavirus e animali domestici. © Shutterstock

1. Gli umani possono trasmettere il coronavirus ai loro cani e gatti?

Assolutamente NO! Non ci sono prove che suggeriscano che cani e gatti possano contrarre il coronavirus Covid-19.

D'altronde lo afferma anche la Lav (Lega Anti Vivisezione) e tutti gli organismi sanitari.

2. Gli animali domestici possono essere portatori del virus e trasmetterlo all'uomo?

Sebbene cani e gatti non possano contrarre il coronavirus Covid-19, devono essere prese precauzioni con loro, specialmente se il loro proprietario è stato contagiato. Gli animali possono ospitare goccioline di starnuti e tosse umani, che possono restare diverse ore sul loro pelo.

Pertanto, si consiglia di fare il bagno all'animale, con un buono shampoo strofinando bene la pelliccia e si raccomanda agli umani di lavarsi le mani per evitare la diffusione del virus.

medico-mostra-frase-coronavirus
Seguire le corrette precauzioni è fondamentale. ©Shutterstock

3. Gli animali di persone infette da Covid-19 dovrebbero essere testati?

Non esiste un test disponibile in commercio per cani e gatti.

Tuttavia, cani e gatti ospitano un altro tipo di coronavirus canino e felino che non rappresenta alcun pericolo per l'uomo.

4. Gli animali domestici possono essere messi in quarantena?

Attualmente è assolutamente impensabile. Non ci sono prove che cani e gatti da compagnia siano portatori significativi di Covid-19. Ma se si è preoccupati per la salute del proprio animale domestico, si dovrebbe contattare una clinica veterinaria.

Inoltre, c'è da dire che se il tuo animale domestico è un gatto che non esce di casa o un cane a cui viene controllato il suo contatto con gli umani, non c'è davvero motivo di preoccuparsi poiché non hanno la capacità di trasmettere il coronavirus ai loro proprietari.

gatto rosso a casa
Non serve mettere in quarantena i propri cani o gatti. © Shutterstock

5. Se ci sono più persone in famiglia, alcune malate e in quarantena ed altre invece in buona salute, l'animale può stare con loro?

Per il momento, spetta alle persone coinvolte decidere. Ma se un essere umano ha contratto il virus o è stato esposto ad esso, è meglio isolarli l'uno dall'altro.

In isolamento (a casa, ad esempio), dovrebbero evitare di vedersi, perché il virus agisce in modo diverso in ciascun essere umano.

In entrambi i casi, il virus non prolifera nelle vie aeree di un cane o di un gatto. Dopo un possibile contatto con una persona infetta da Covid-19, un accurato lavaggio permetterà ai tuoi animali domestici di non contagiare gli altri, tranne se vengono in contatto con una persona malata o con un portatore del virus.

 

Alcuni importanti accorgimenti in questo periodo di quarantena da #coronavirus per chi vuole portare a spasso il cane.

Posted by Wamiz Italia on Thursday, March 12, 2020
«L'unico vettore identificato per il Covid-19 è l'essere umano! Né i cani né i gatti», afferma il Dottore.

6. Come possiamo proteggere i nostri cani e gatti dal coronavirus?

Se sei davvero preoccupato per il tuo animale domestico, dovresti proteggerlo solo dalle persone affette da Covid-19.

Se il tuo gatto esce senza sorveglianza, puoi limitare le sue uscite o monitorarle. Lo stesso vale per i cani. Se le uscite dell'animale sono controllate da te, non c'è motivo per cui venga a contatto con gli umani con il coronavirus Covid-19.

È comunque possibile isolare il tuo animale dagli esseri umani, pur garantendo il suo benessere quotidiano e la sua salute, e consentendogli di fare movimento e socializzare nelle migliori condizioni possibili.

Spetta a ciascun proprietario decidere cosa è meglio per il proprio animale domestico. E ovviamente è possibile contattare un veterinario per ottenere i chiarimenti necessari.

Oltre a rimanere informato sul coronavirus su pagine totalmente affidabili come il sito web del Ministero della Salute italiano e / o il sito dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Ricorda: non usare la scusa del coronavirus per abbandonare il tuo cane o gatto. Non possono infettarti!

Alcune importanti domande e risposte della Lav

La Lav (Lega Anti Vivisezione) ha pubblicato un elenco di domande e risposte a tema coronavirus e animali domestici. Vediamone alcune.

Chi si occuperà degli animali dei pazienti ricoverati per il Covid-19?

I familiari, gli amici o i conviventi possono prendersi cura degli animali. Se non è possibile, i vicini, gli amici o i dog e cat-sitters possono accogliere i cani e i gatti in questione dopo domanda scritta e lasciando loro registrazione anagrafica e libretto vaccinazioni.

Altrimenti, si potrà avvisare il Servizio veterinario pubblico e/o la Polizia Locale riguardo la presenza di animali domestici presso l’abitazione del paziente ricoverato.

Posso sfamare una colonia felina?

Uscire per sfamare una colonia felina, in mancanza di alternative e se lo si fa rispettando le attuali norme igieniche, è più che autorizzato dal Ministero della Salute.

Sono volontario in un canile di un altro Comune: posso andarci comunque?

Sì, se si riempie l’autodichiarazione necessaria, per la quale si è interamente responsabili.