News :

TEST: Che razza di gatto fa per te?😻😻

Pubblicità

Scampata alla morte, la Chow Chow aiuta la padrona disabile durante la quarantena

chow-chow-di-profilo dog-happy

Un aiuto reciproco quella tra Annabel e Mary.

© Shutterstock (foto illustrativa)

La storia di Annabel, un’adorabile Chow Chow, è ricca di emozioni. Destinata al commercio di carne in Cina, non aveva possibilità di sopravvivere se non fosse stato per un ente benefico londinese.

Di Ilenia Colombo , 3 apr 2020

Trovata in uno stato pietoso, parzialmente pelata, in condizioni igieniche critiche e con un occhio mancante, la Chow Chow Annabel è stata salvata in Cina dal commercio di carne di cane dall’ente benefico No to Dog Meat, con sede a Londra.

No To Dog Meat è un'organizzazione benefica con sede nel Regno Unito che ha come obiettivo principale quello di salvare i cani dai macelli cinesi.

Alcuni dei quattrozampe salvati vengono portati in terra inglese affinché gli venga data una seconda possibilità.

Un cane fortunato

Precisamente, è stata una volontaria di nome Mary Garland a mettere in salvo la quattrozampe: è riuscita a recuperare Annabel e, insieme ad altri volontari, l’ha aiutata a guarire per poi decidere di adottarla.

Mary è una persona disabile su sedia a rotelle e pensava non fosse una buona idea adottare un cane poiché temeva di non dare ad Annabel le giuste attenzioni.

Ma grazie all'amore e alle cure di Mary, Annabel conduce una vita felice e appagante ed è lieta di ringraziare Mary per averla salvata, prendendosi cura di lei specialmente in questo periodo difficile che è la quarantena da Coronavirus.

Mary, come riporta metro.co.uk, ha affermato:

«Annabel è un'ottima compagnia. È così tranquilla e aiuta a calmare l'ansia in questo momento stressante».

E continua:

«Annabel è stata una manna dal cielo. Ne ha passate così tante nella sua vita, e adesso mi aiuta in questo momento difficile, coccolandomi tutto il tempo. Accarezzare la sua morbida pelliccia è davvero confortante».