Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Perché alcuni gatti hanno i “calzini bianchi”?

Anche il tuo gatto ha quei tenerissimi “calzini bianchi” e ti sei sempre domandato da dove vengano? Scopriamo insieme la motivazione che hanno i genetisti a questo curioso quanto interessante fenomeno!

Di Serena Esposito

Pubblicato il 01/05/20, 15:00, aggiornato il 06/05/20, 16:47

Il dato da cui dobbiamo partire è che la maggior parte dei gatti domestici, rispetto a quelli selvatici, presenta una colorazione chiara del manto in prossimità delle zampe, e talvolta anche del musetto.

La genetista Leslie Lyons dell’Università del Missouri, specializzata in genetica felina, ha specificato che questi simpatici caratteri hanno radici nei diecimila anni che i gatti e l’uomo hanno trascorso vivendo insieme.

A proposito di genetica: I gatti tricolore sono tutti femmine?

Caccia e selezione naturale

I gatti selvatici (felis silvestris), che presentano una colorazione del manto utile ad una buona mimetizzazione, fondamentale per la caccia, si sono sviluppati in seguito allo stanziamento dell’uomo ed all’inzio della sua attività agricola.

Vuoi scoprire di più sull'origine dei felini? Leggi il nostro articolo dedicato!

Questi felini, ancora fortemente presenti in Africa ed Eurasia, sono i progenitori dei gatti domestici, che tuttavia, presentano spesso colorazioni che non sembrerebbero favorire particolarmente la caccia.

Quindi cosa è successo?

Domesticazione e sviluppo embrionale

La Dottoressa Lyons ha spiegato che, nonostante le mutazioni si verifichino continuamente, nella selezione della specie, potrebbe esser stato l’uomo stesso a favorire lo sviluppo dei calzini bianchi nei gatti.

Come? Andando a selezionare quei gatti un po' diversi, per i quali aveva un debole, guidandoli nell’addomesticamento.

Le macchie bianche nei gattini, come avviene anche per specie quali cavalli, maiali, topi, e mucche, sembrano comparire in misura maggiore negli esemplari allevati.

La colorazione del manto degli animali ha luogo durante lo sviluppo embrionale: le cellule pigmentate (cioè colorate), in base al mosaico genetico dell’animale, migrano nelle zone prescritte, andando a creare la particolare colorazione.

A proposito di colorazione: Scopri tutti i segreti del manto del gatto!

Talvolta, accade che la migrazione di queste cellule si fermi prima del dovuto, ed ecco che il micio presenta i “calzini” e il petto e il musetto bianchi.

Pertanto questa caratteristica che molti gatti di casa presentano, non è dovuta soltanto alla genetica, ma anche alla biologia evolutiva ed alla selezione, per così dire “artificiale”, operata dall’uomo nel selezionare il manto più buffo e tenero!