News :

TEST: Che razza di gatto fa per te?😻😻

Pubblicità

Tutte le novità per i cani nella fase 2

cane guarda stranito dog-serious

L'inizio della Fase 2 è previsto per oggi, lunedì 4 maggio.

© Shutterstock

Oggi, 4 maggio 2020 inizia ufficialmente la Fase 2 di «convivenza con il virus». Ecco qualche novità inerente al mondo animale con un focus speciale sui nostri amici cani.

Di Anna Paola Bellini , 4 mag 2020

Nell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (d.P.C.M.) del 26 aprile 2020 vengono disposte le nuove misure per contenere e gestire l’emergenza sanitaria da Covid-19.

All’interno di questo testo che segue e rettifica i d.P.C.M. precedenti vengono date istruzioni sulla riapertura di alcune aziende, esercizi commerciali, “ore d’aria” e visite a congiunti (espressione che ha creato non poche polemiche), il tutto sempre nel rispetto delle distanze di sicurezza e del divieto di assembramento.

Cosa succede ai nostri amici animali? C’è qualche cambiamento in merito? Sull’intero territorio nazionale o ci sono regioni che fanno eccezione? Vediamo insieme tutte le novità della Fase 2 per i nostri fedeli amici cani.

Le novità del Decreto

Nel testo del Decreto si legge che è consentito l’accesso del pubblico ai parchi e ai giardini pubblici, sempre nel rispetto del distanziamento sociale, ma al contempo è il sindaco o la regione a poter decidere della temporanea chiusura di zone del suddetto parco.

Vuoi sapere come trascorrere il tempo in casa con il cane?
Passa di qui!

Come sappiamo, per quanto sia scritto nero su bianco in un Decreto, alcune misure possono essere modificate (o non applicate) dai presidenti di regione o dai singoli sindaci.

Invitiamo, dunque, a prendere conoscenza dell’Ordinanza regionale prima di recarsi in un parco (che potrebbe essere chiuso o non accessibile ai cani).

I saloni per la toeletta

Un esempio pratico ci viene dalla situazione dei toelettatori per cani. Se in tutto il territorio tale attività non è considerata prioritaria, in Emilia Romagna, Liguria e Friuli Venezia Giulia i centri che si occupano di prendersi cura del pelo di Fido erano già aperti (naturalmente con le dovute precauzioni del caso!) prima della rettifica dell'apertura territoriale.

Anche la Sicilia ha permesso la riapertura delle attività di toelettatura, sempre nel rispetto delle dovute distanze, a partire però da questa data.

Dopo diverse petizioni online, grazie ad alcune Ordinanze regionali, anche la Toscana, la Basilicata, l’Abruzzo e il Piemonte avrebbero deciso di riaprire i saloni a partire da oggi, 4 maggio 2020.

Nelle ultime ore anche la Lombardia ha previsto, oltre a quella dei maneggi, anche la riapertura degli esercizi di toelettatura di animali da compagnia. La regione Campania, con una rettifica dell'Ordinanza del 4 maggio, autorizza l'apertura dei saloni di toelettatura, ma consiglia di mettere in pratica un servizio diprenotazione per evitare affollamenti.

Nella regione Puglia sarà possibile l’apertura degli esercizi di tolettatura di animali a partire dal 17 maggio.

In ogni caso, come si evince dall’ultimo d.P.C.M., i toelettatori dovrebbero riaprire in tutte le regioni a partire dal 1 giugno.

Attività di allenamento e addestramento di cani

Anche per quanto riguarda le attività di addestramento e allenamento dei cani, il nostro territorio prevede Ordinanze locali, specifiche per ogni regione. In linea di massima possiamo riassumere la situazione come segue.

Le regioni che hanno autorizzato queste attività, sempre e comunque nel rispetto del distanziamento sociale, in apposite aree autorizzate e, in alcuni casi, in orari specifici sono:

  • Abruzzo;
  • Liguria;
  • Marche;
  • Emilia Romagna;
  • Molise;
  • Lazio;
  • Veneto;
  • Toscana;
  • Friuli;
  • Lombardia;
  • Sardegna.

Ogni regione, come detto più volte, può decidere di applicare diversamente una misura nazionale.

Leggere sempre l’Ordinanza della propria regione per informarsi delle applicazioni specifiche dei Decreti è sempre e comunque necessario per evitare di essere in torto.

In ogni caso, si consiglia sempre e comunque precauzione e buon senso.