Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

PubblicitĂ 

Per recuperare l'account del suo cane... deve insegnargli a guidare!

dogo-alla-guida dog-wow

Per recuperare l'account, Max deve imparare a guidare.

© Pixabay

Quando Emily Doucet manda una richiesta a Facebook con l’intento di recuperare l’account dedicato al suo cane Max, riceve una risposta alquanto insolita: serve la carta d’identità o la patente di guida del peloso! Non le resta che insegnargli a guidare.

Di Coryse Farina

Pubblicato il 13/05/20, 14:25

Questa vicenda insolita accade circa due settimane fa, quando Emily Doucet una 33enne di Seattle, per mera curiosità decide di riaprire l’account Facebook dedicato al suo cane Max.

Nulla di strano se non fosse che, essendo passati oltre nove anni dalla creazione del profilo, Emily non ricorda affatto la password.

Una richiesta insolita

Dopo diversi tentativi risultati infruttuosi, Emily decide di chiedere aiuto all’assistenza di Facebook.

La risposta, però, non è quella che si aspetta: per poter reimpostare la password, deve fornire la carta d’identità o la patente di guida di Max!

Una richiesta assurda che Emily ha voluto condividere immediatamente sui social scrivendo:

«Hanno bloccato l’account Facebook del mio cane finché non invio loro una copia della sua patente di guida. Non ho scelta, mi tocca insegnargli a guidare!».

Il tweet ha raggiunto in poche ore oltre 330 mila like e i commenti esilaranti non si sono fatti attendere: c’è chi sostiene che non esiste una legge che vieta ai cani di poter prendere la patente, chi dall’animo più furbo invece, le suggerisce di creare una falsa patente di guida con Photoshop.


Insomma, come sempre la creatività degli utenti su internet è davvero immensa.

La risposta di Facebook

Diventato virale, il tweet ha raggiunto anche i piani alti e gli amministratori di Facebook non hanno potuto che rispondere.

«I profili Facebook sono fatti per rappresentare delle persone. Se volete parlare di marchi, business, organizzazioni e...animali, è bene invece creare delle Pagine!», sostiene Ruchika Budhraja, portaparola del social, come riportato da Buzzfeednews.com.

Per questa ragione, per default, ad Emily sono stati richiesti dei documenti personali. Si tratta di un modo per limitare al massimo la creazione di falsi profili.