Tutti gli annunci di adozione🐶

Pubblicità

Qualcosa è sul ponte dell'autostrada: si ferma e va sotto shock (Video)

Una volontaria ha notato qualcosa di strano sul ponte sopra l'autostrada e ha deciso di fermarsi per vedere cosa stava succendedo. La donna è intervenuta al momento giusto per evitare un incidente.

Di Ilenia Colombo , 15 mag 2020

Questa è la prova che dimostra che un piccolo e insignificante gesto può avere un'immensa importanza nel futuro delle altre persone, e anche in quello dei nostri animali domestici.

Dietro ogni adozione c'è una storia, di solito triste e travolgente, ma che comprende anche piccoli grandi "eroi" che hanno fatto quello che dovevano al momento perfetto per salvare una vita.

Il momento giusto e il posto giusto

Qualcosa del genere è ciò che questo cane di nome Haya ha scritto nel suo passato, una cagnolina di razza Podenco Ibicenco di 4 anni che aspetta pazientemente una seconda possibilità in un rifugio andaluso.

I volontari della Sociedad Protectora de Animales y Plantas di Malaga hanno riportato una storia commovente che ha come angelo custode proprio un dipendente delle loro strutture.

È successo nel 2016. Un bel giorno, una dei volontari dell'associazione ha terminato il suo turno e, come ogni pomeriggio, ha preso la macchina per tornare a casa. Prima di raggiungere l'autostrada ha visto un cane abbandonato che sembrava stesse per saltare da un ponte.

La donna si è fermata immediatamente nella corsia di emergenza e si è avvicinata alla creatura con estrema cura.

Era Haya, che a quel tempo aveva solo un anno e aveva così tanta paura degli esseri umani che si è persino gettata nel vuoto quando la volontaria si è avvicinata a lei.

Fortunatamente, la volontaria ha avuto ottimi riflessi ed è stata in grado di catturarla a mezz'aria. Non l'ha lasciata andare neanche mentre riceveva numerosi graffi alle mani, perché sapeva che se lo avesse fatto, Haya sarebbe saltata morendo all'istante.

Una cagnolina malconcia

Haya era visibilmente terrorizzata e tremava. Era evidente che la sua vita fino a quel momento era stata un inferno, che nei suoi pochi mesi di vita era stata una cagnolina maltrattata.  

La sua soccorritrice l'ha trasferita all'associazione e, sebbene all'inizio fosse abbastanza sospettosa verso le persone sconosciute e mostrasse il suo risentimento per ciò che viveva, a poco a poco ha iniziato a fidarsi dei volontari e si è mostrata sempre felice con i suoi compagni di gabbia, con i quali ama giocare.

Un'adozione andata male

Diversi mesi dopo il suo salvataggio, Haya è stata adottata da una famiglia con una bambina e in pochi giorni è stata restituita.

Come ricordano, amava così tanto la bambina della casa che la proteggeva troppo e non voleva che suo padre gli si avvicinasse.

L'hanno restituita perché «non avevano la pazienza o il desiderio di occuparsi di lei».

Quattro anni dopo, Haya è una cagnolina completamente diversa. Si dà completamente agli umani e si lascia coccolare a tutte le ore.

Il tempo è riuscito a curare le sue ferite e l'ha trasformata in una quattrozampe ideale per molte persone. Haya adesso ha molte qualità:

Haya adesso aspetta solo di trovare qualcuno che la ama come merita.