TEST: Che razza di gatto fa per te?😻😻

Pubblicità

I cambiamenti nella relazione uomo-cane dopo il lockdown (Video)

cane e padrone suldivano dog-serious

Come ha inciso il lockdown sulla relazione cane-uomo? La diretta che prova a rispondere.

© Pixabay

Una interessante diretta su un tema che sta a cuore ad ogni padrone: Gianni Nobile, psicoterapeuta del CSTCS, e Giusy D’Angelo, esperta sulla lettura del cane a livello internazionale, ci parlano degli effetti del lockdown sulla relazione uomo-cane.

Di Serena Esposito , 10 giu 2020

Gli effetti che il lockdown ha generato sulla psicologia, sono stati analizzati in pagine e pagine di articoli e minuti e minuti di video, ma la diretta che vi proponiamo oggi è andata oltre. 

In poco più di un’ora, Giusy D’Angelo e Gianni Nobile hanno affrontato un ambito preciso degli effetti della quarantena, ossia la loro influenza sulla relazione tra cane e uomo, scopriamo di più.

La diretta

"Tutti in casa. Considerazioni sulla relazione uomo, cane e famiglia. Dopo il lockdown: è cambiato qualcosa?". Questa l’intestazione del video, interessante confronto tra lo psicoterapeuta Gianni Nobile del CSTCS – Centro Studi per la Terapia della Coppia e del Singolo, consultorio di Psicoterapia a Genova, e l’educatrice Giusy D’Angelo, figura di spicco a livello internazionale in ambito di cinofilia, nonché presidentessa di Educanenpa (associazione con lo scopo del riconoscimento delle professioni cinofile mediante il percorso qualità ISO) e divulgatrice di principi di rispetto e tutela del benessere canino.

Un confronto che si è reso sempre più necessario in seguito al cambiamento delle abitudini familiari che ruotano attorno alla vita del cane: i risvolti che la quarantena ha avuto sono stati importanti anche nella relazione tra il cane e il proprio padrone, dalle passeggiate intensificate e la condivisione degli spazi, fino a giungere alla possibilità di insorgenza di ansia da separazione dopo il tempo prolungato trascorso insieme.

Andata in onda il 4 giugno alle 21 su Facebook, la diretta è visibile in qualsiasi momento dalla pagina PsicoterapiaGenova.

Le dichiarazioni

«Come ben noto durante il lockdown si sono create diverse situazioni di convivenza, tra i gruppi familiari con la necessità di dover condividere per lungo tempo una modalità assolutamente inusuale. Questa situazione ha portato nuove riflessioni su che cosa è accaduto o cosa potrebbe accadere nel nostro rapporto con loro: si presume che la lunga convivenza abbia creato forme di maggiore dipendenza e che la fine di periodi condivisi così lunghi possano generare stress e timori di abbandono, perché i cani non trovano più in casa il loro referente umano», spiega Gianni Nobile, che ha parlato di come il cane sia foriero di desideri e bisogni.

«Analizziamo gli effetti del lockdown sulla relazione uomo-animale in modo da poterne sviluppare una che sia meno asimmetrica, e dia più spazio all'animale, arricchendosi», dichiara infine Gianni Nobile.

Giusy D’Angelo, pioniera di fama internazionale nella lettura del cane, spiega:

«Parleremo di relazione, meccanismi emotivi e di similitudini. Il lockdown come punto di partenza per riflettere sulle necessità sociali di animali umani e non umani».

Il video

I presupposti sono interessantissimi, se vi siete persi questo costruttivo confronto tra due menti che hanno a cuore il benessere del cane con l’uomo, non vi resta che guardare il video, noi di Wamiz l’abbiamo guardato!

Buona visione!