Cosa mettere nella ciotola dei cani?🐶

Pubblicità

Cane salvato da un passante: era stato catturato dai serpenti (Video)

Un passante trova un cucciolo di cane fermo e immobile tra gli arbusti: era bloccato a terra e diversi serpenti gli stringevano busto e collo. L’operazione di salvataggio è stata lunga e difficile.

Di Coryse Farina

Pubblicato il 04/08/20, 19:30, aggiornato il 08/02/21, 15:41

Il pericoloso salvataggio di un cucciolo di cane è avvenuto circa tre settimane fa, in una foresta pluviale.

Se non fosse stato per il coraggio e l’audacia di un passante, il piccolo randagio a quattro zampe dal pelo bianco non sarebbe sopravvissuto.

Attaccato dai serpenti

Tutto inizia quando due uomini, incuriositi da alcuni lamenti, trovano un cane randagio nella foresta.

L’animale è ancora vivo e a prima vista in buone condizioni, tuttavia, se la sta passando molto male dato che diversi serpenti lo hanno ormai catturato. Uno gli circonda saldamente il collo, il secondo invece lo tiene stretto per l’addome.

Il cucciolo, sapendo di non avere via di scampo, giace quindi sul terreno immobile e inerme, sperando nell’aiuto di qualcuno.

E fortunatamente così è stato, perché i due uomini, non appena notano l’animale, sanno già che non possono lasciarlo morire.

Carichi di coraggio quindi, prendono in mano la situazione.

Un salvataggio pericoloso

Uno dei due passanti, sicuramente già esperto nel maneggiare serpenti, cerca subito di farli allontanare, ma non è affatto facile.

Essendo molto affamati, non hanno nessuna intenzione di lasciare la loro preda, e in tutta risposta, si difendono attaccando l’uomo.

Ci sono voluti quindi oltre 10 minuti di tentativi, ma alla fine il passante riesce a liberare il cane, prendendo per la coda uno ad uno i serpenti e chiudendoli in una busta trovata nei dintorni. 

Una volta libero, il cagnolino ancora spaventato e diffidente, viene afferrato con velocità dall’uomo e insieme al suo accompagnatore corrono via da quel covo di serpenti.

Nonostante i diversi morsi al collo, l’animale è sopravvissuto e ad oggi è libero.