Tutti gli annunci di adozione🐶

PubblicitĂ 

Una casa di riposo diventa una grande famiglia per un trovatello

Cane e guardia zoofila dog-wow

Un cane viene adattato da un centro per anziani.

© Ufficio Stampa Oipa

Un'iniziativa bellissima quella adottata da una casa di riposo del Sud Italia, in collaborazione con Oipa. Grazie a loro ora gli anziani hanno un nuovo amico e un trovatello ha una nuova grande famiglia allargata.

Di Nina Segatori , 24 ago 2020

Un cucciolo meticcio è stato salvato dai volontari dell’Oipa Italia che, invece di cercare una famiglia che potesse adottarlo, l'hanno affdato alle cure degli anziani della casa di riposo Villa Letizia di Grumento Nova, (Potenza).

Gli ospiti del centro l'hanno chiamato Cocò e ora non ha un solo padrone, ma tanti e tutti felicissimi di averlo tra le braccia, coccolarlo e regalargli amore.

Un trovatello speciale

Cocò ha poco più di due mesi. La sua è una sorte comune a tanti meticci: essere abbandonato in strada. Fortunatamente i volontari dell'Oipa l'hanno salvato, curato e vaccinato.

Come tutti i cani trovatelli, dopo essere stato rimesso in sesto, Cocò aveva bisogno di una casa e di qualcuno che potesse amarlo.

Così Roberto Tedesco, delegato Oipa Potenza, insieme a Pietro Carcia, il responsabile di Villa Letizia, ha avuto un'idea: dare al cagnolino una nuova famiglia allargata, composta dagli anziani della struttura.

Una bella iniziativa

Una trovata bellissima, perché un cane in un centro anziani fa sorridere, distrae e li aiuta a prendersi cura di un altro essere vivente, regalando un rinnovato benessere.

«Lo scopo è quello di offrire sollievo alle persone anziane e al tempo stesso una “famiglia allargata” al cucciolo - ha spiegato Roberto Tedesco - Il suo amore incondizionato sarà una "terapia d’amore” per gli anziani. Un cagnolino che zampetta nella struttura, che si appoggia sulle ginocchia per una coccola o una carezza, o che invita al gioco, potrà solo far bene al cuore degli anziani».

Cane e anziani
Cocò incontra i suoi nuovi padroni.© Ufficio Stampa Oipa

Ora la speranza è che questa iniziativa sia solo la prima di tante altre e che venga replicata presto anche da altre strutture in tutta Italia.