Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Adottato dopo anni in canile, viene restituito 3 giorni dopo

incrocio di pastore tedesco seduto sull'erba dog-angry

Non ha fatto niente di male, povero Kimba.

© Facebook @ KTOZ Krakowskie Towarzystwo Opieki nad Zwierzętami

Kimba ha trascorso più di due anni in un rifugio per animali in Polonia. Quindi, quando è stato finalmente adottato, era il cane più felice del mondo! Purtroppo, questa gioia non è durata molto a lungo...

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 20/09/20, 10:06

Kimba aveva un passato difficile ed era un cane piuttosto timido e nervoso quando è arrivato in un rifugio a Cracovia, in Polonia.

Ma con l'aiuto del premuroso personale della struttura per animali, è riuscito a uscire dal suo guscio e trasformarsi in un cucciolo affettuoso!

Nonostante ciò, Kimba continuava a essere trascurato quando le persone venivano a visitare il rifugio.

L'adozione di Kimba

Alla fine, il 29 agosto, 2 anni e mezzo dopo l'arrivo al rifugio, Kimba è stato adottato.

Tre giorni dopo, però, è stato riportato al rifugio. Perché? Perché al suo nuovo proprietario non piaceva quanto Kimba fosse entusiasta dei bambini.

Non che l'adottante avesse figli lui stesso, ma il fatto che Kimba sia saltato in piedi per salutare suo nipote è stato sufficiente perché l'uomo rinunciasse completamente al suo nuovo compagno a 4 zampe.

Kimba era stato così felice di lasciare il rifugio e si era comportato bene nella sua nuova casa. Ma si è reso conto, quando un membro del personale del rifugio si è presentato in casa, che sarebbe tornato nel luogo triste che aveva cercato di lasciare per così tanto tempo.

Sperando in una seconda possibilità

Gli esperti dicono che ai cani dei canili dovrebbero essere concessi almeno 3 mesi per stabilirsi nelle loro nuove case. Ci vuole tempo perché i cani si adattino al nostro stile di vita, figuriamoci i cani con un passato difficile.

Speriamo con tutte le nostre forze che il povero Kimba trovi presto una casa. Non gli è stata data una possibilità sufficiente, e se la merita.