Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

PubblicitĂ 

No al massacro di cani e gatti: arriva la petizione mondiale

gatti in gabbia dog-cat-wow

L'Oipa lancia una petizione mondiale per salvare cani e gatti a Dubai.

© Ufficio Stampa Oipa Italia

Il massacro di cani e gatti a Dubai non può rimanere impunito e protrarsi oltre. Ecco perché l'Oipa ha deciso di lanciare una petizione a livello mondiale.

Di Nina Segatori

Pubblicato il 01/10/20, 12:35

Dopo la diffusione della terribile notizia che denuncia la sparizione di cani e gatti nella città di Dubai, L’Oipa Onlus International ha lanciato una petizione globale per fermare la terribile pratica.

Solo qualche settimana fa il reportage di thenational.ae, denunciava i fatti. I motivi sono principalmente due: la preparazione di Expo 2021 e la paura (immotivata) che possano trasmettere il Coronavirus.

Da un po', infatti, una direttiva comunale vieta ai residenti e turisti di alimentare cani e gatti, che vengopno catturati e portati nel deserto a morire di fame.

Chiaramente gli animalisti hanno provato a ribellarsi e ora a intervenire è proprio L’Oipa Onlus International (Organizzazione internazionale protezione animali).

La petizione

Presente in 61 nazioni, l'Organizzazione ha lanciato una petizione mondiale in cui chiede alle autorità di Dubai non solo di fermare l’atroce strage, ma anche di sbloccare gli account social degli attivisti, bloccati dalla legge.

«Come Oipa Onlus International abbiamo scritto alla municipalità di Dubai e alle autorità locali chiedendo spiegazioni e richiedendo che vengano implementati metodi alternativi e rispettosi della vita degli animali, senza che nessuno di loro venga ucciso».

Queste le parole di Valentina Bagnato, responsabile dell’Ufficio relazioni internazionali dell’associazione. «Anche in Italia stiamo attivando ogni possibile canale, compreso il Ministero degli Esteri, per porre fine alla carneficina».

Chi volesse sottoscrivere la petizione globale lanciata da Oipa International può farlo qui.