Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Una triste nota spiega il motivo dell'abbandono di un Pastore Tedesco

messaggio su foglio e cane randagio dog-sad

Roadie era in buona salute e sembrava essere stata ben curata.

© Facebook @ Aaron Cantrell

Alcuni soccorritori di un'ente per animali statunitense hanno recentemente trovato un cane legato a un albero con una nota straziante attaccata al collare. Un abbandono che poteva finire male.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 02/10/20, 10:57

Nella contea di Johnson, Stati Uniti, i soccorritori del Johnson County Animal Shelter hanno ricevuto una chiamata riguardo un animale abbandonato.

Il povero Roadie, un incrocio di Pastore Tedesco, era stato legato a un albero e lasciato a se stesso.

Un abbandono apparentemente inspiegabile

I volontari sono rimasti sorpresi poché il cucciolo, di circa 18 mesi, sembrava in buona salute ed era chiaramente stato ben curato.

Non riuscivano a capire perché qualcuno l'avrebbe abbandonato. Ma man mano che si avvicinavano, le cose cominciavano ad avere più senso.

Una nota straziante

Il team ha trovato una nota molto triste attaccata al collare di Roadie. Diceva che Roadie era amata, ma che il suo proprietario non poteva più permettersi di prendersi cura di lei.

«Il mio nome è Roadie», si legge nella nota. «Mio padre ha perso il lavoro e poco dopo la sua casa a causa del Covd-19».

Il rifugio ha condiviso la storia sulla sua pagina Facebook. Da allora hanno ricevuto dozzine di richieste da persone che desiderano di adottare Roadie.

Sembra quindi che questa adorabile cagnolina non dovrà aspettare molto prima di essere accolta in una nuova casa.

Non bisogna vergognarsi nel chiedere aiuto

Nel frattempo, il rifugio esorta i proprietari in difficoltà a chiedere aiuto o contattare un servizio di soccorso.

Michael Delp, l direttore del centro di soccorso, ha affermato: 

«Non è mai una buona idea lasciare un animale da solo. Roadie avrebbe potuto essere investita da un veicolo o aggredita da qualche animale. Chiama il tuo rifugio locale».