Scopri qui se il tuo cane √® obeso!ūüź∂

Pubblicità

Gattile travolto dall'alluvione: si riparte con l'aiuto di tutti

gattile cat-wow

Un'alluvione in Liguria ha distrutto un gattile.

© Facebook @Randagi fortunati

L'alluvione che ha colpito la Liguria negli ultimi giorni, ha travolto un gattile, distruggendo tutto quello che c'era e uccidendo tanti gatti. I volontari, però, dopo lo sconforto, ora vogliono ripartire, con l'aiuto di tutti.

Di Nina Segatori

Pubblicato il 05/10/20, 11:24

Il gattile Randagi fortunati di Peglia, a Ventimiglia è stato raso al suolo da un'alluvione che ha colpito la Ligura. Tanti i gatti che hanno perso la vita, mentre tutto il resto è andato distrutto.

La forza di ricominciare dei volontari, però, di tornare ad aiutare tanti gatti randagi non viene fermata dallo sconforto e ora si cerca di reagire. Anche con l'aiuto di tutti coloro che amano i felini e gli animali in generale.

Un'alluvione terribile

Dodici dei tanti gatti ospiti del gattile non ce l'hanno fatta, travolti dalle acque. I danni alla struttura sono purtroppo incalcolabili. Il maltempo era previsto dalle previsioni meteo e i volontari si erano attrezzati in modo da proteggere dall'acqua tutte le gabbiette.

Purtroppo era impossibile prevedere una tale alluvione, così lo spettacolo che si sono trovati davanti agli occhi è stato devastante. Non tanto, però, da impedirgli di rimboccarsi le maniche e tornare a combattere per i gattini più sfortunati.

La forza di rinascere

Così tutti i volontari si sono subito attivati per salvare gli altri gattini che erano riusciti a mettersi al sicuro, arrampicandosi nelle zone più alte della struttura.

Grazie all'aiuto di tanti sostentori del gattile e di altri volontari, tutti i felini salvi sono stati affidati temporaneamente, mentre si cerca di ricostruire ciò che è andato perso.

Per questo è stata lanciata una raccolta fondi, per far si che i Randagi fortunati possa rinascere e tornare ad aiutare tanti felini in difficoltà.

«Al momento al gattile servirà veramente tutto perché tantissimo è andato perduto per sempre. Partirà a breve una raccolta fondi, confidiamo nel vostro aiuto perché l'associazione Randagi Fortunati in quel luogo oggi ci ha seppellito una fetta di cuore,

 hanno spiegato i volontari che ora sono pronti a tornare in campo.