Instagram

Shopping per i pet? Passa da qui!

Pubblicità

Sei più un tipo da cani o più da gatti? Ecco cosa svela della tua personalità!

uomo con cane e gatto dog-cat-serious

Gli ultimi studi dimostrano che gli amanti dei cani e dei gatti hanno personalità diverse.

© Shutterstock

La risposta a questa (apparentemente) semplice domanda può definire chiaramente chi sei secondo le ultime ricerche scientifiche in materia. Scopriamo come la preferenza per un cane o quella per un gatto rivela la tua personalità.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 20/10/20, 14:25

Ti piacciono i cani più dei gatti? Questo può essere un indicatore della tua personalità!

Le ultime ricerche suggeriscono che la risposta a questa domanda tradizionalmente comune rivela molto sulla tua personalità.

In questa occasione trarremo conclusioni concrete da uno studio condotto da Mikel Delgado, ricercatore e comportamentista animale presso la UC Davis Veterinary School

Cinque tipi di personalità (OCEAN)

Questo ricercatore ha condotto un'ampia indagine tra coloro che preferivano l'una o l'altra specie, anche se ha preso in considerazione anche coloro che non hanno optato per l'una o l'altra e coloro che hanno apertamente affermato di non gradire né l'una né l'altra.

Per quanto riguarda la personalità "cane" o personalità "gatto", Delgado ha raggruppato le sue conclusioni in cinque caratteristiche principali che ha sintetizzato con l'acronimo (inglese) OCEAN:

  • accessibilità;
  • coscienziosità;
  • estroversione;
  • gentilezza;
  • nevroticismo (intendendo quest'ultimo come un compendio di sensibilità e nervosismo dell'individuo).

Le conclusioni dello studio

Secondo lo studio, queste cinque variabili possono definire utilmente la propria personalità. Ebbene, le conclusioni di Delgado sono le seguenti:

1. Chi preferisce i cani

Sono persone più estroverse e gentili, di solito dominanti nelle interazioni sociali e piuttosto narcisiste.

2. Chi preferisce i gatti

Sono persone più aperte e nevrotiche. È sorprendente che il genere sia molto importante qui perché le donne sono chiaramente più amanti dei gatti rispetto agli uomini.

La ricerca di Mikel Delgado conclude anche che alcuni tratti della personalità individuale sono associati a diversi tipi di animali domestici.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

"I had a difficult time adjusting to living in NYC. I was depressed, lonely, missing my family and my first cat, Mochi. When I visited my family during the holidays, I realized I was really missing having that connection, so I decided to adopt a cat in NYC. I found Atlas (left) on @AnjellicleCats Rescue website and immediately fell in love. The photos showed a handsome black and white tuxedo cat with the most stunning yellow eyes and the cutest fluffy tail. The description said he was 'pure lion love' and I was won over. He had come from a hoarding situation and had been with a few different fosters before I adopted him. He was stressed, licked bald patches on his legs and had frequent urinary infections. My poor baby! ⁠⠀ ⁠⠀ When he finally came home, it only took a few moments before he jumped on my bed, laid down and exposed his belly. I was so happy that he already felt at home. Atlas definitely has gained so much confidence the past few years. He is the ruler of the apartment, frequently watching over everyone from the top of the cupboards. Whenever he wants something, he knows how to get it. It’s sometimes frustrating, but I like that he’s tenacious that way. I had to start hiding my bread and treats on high shelves because he would tear through the bags on the counter and eat them. I even caught him inside the bottom cupboard, and found he had torn through a bag of dog kibble. ⁠⠀ ⁠⠀ He’s become a great big brother to my second cat, Kitten. She was a foster fail. I fostered her from the ASPCA when she was about 6 weeks old. She was a tiny frail little thing. She had been in an accident, the ASPCA thinks she was hit by a car, and her right front leg was lame. I kept her comfortable until she was old enough to get it amputated. When I picked her up from her surgery and took her home it broke my heart. All she wanted to do was sit in my lap or cuddle up next to me. I knew I had to adopt her after that." @heylonelysoul

A post shared by Girls and Their Cats (@girlsandtheircats) on

Uno studio molto complesso

Questo studio, che tratta un tema apparentemente semplice come essere "tipi da cane" o "tipi da gatto", implica una questione davvero complicata. 

«Trattiamo cani e gatti come se fossero in qualche modo equivalenti ma sono animali molto diversi», ricorda Delgado.

Gatti e cani hanno storie di addomesticamento diverse, esigenze diverse, attaccamenti disuguali ai loro proprietari e anche comportamenti naturali disparati che li rendono più o meno compatibili con i bisogni e i comportamenti umani.

Inoltre, proprio come le persone, cani e gatti sono diversi gli uni dagli altri, quindi ogni relazione tra una persona con il proprio cane o gatto è un mondo a parte. Ciò che funziona per alcuni potrebbe non funzionare per altri.

Il soggetto in sospeso

Secondo lo stesso Delgado, ciò che è ancora in attesa di studio è specificare le differenze tra le persone a cui piacciono gli animali domestici e quelle a cui non piacciono.

Si sospetta che questa differenza possa essere molto più fondamentale e complessa di quanto le persone credano.

Quindi forse la domanda non è se sei una persona gatto o cane, ma se la tua vita ha spazio per loro.

L'ultima variabile da tenere in considerazione è la crisi sanitaria del COVID-19 nelle nostre vite poiché si ritiene che l'arrivo della pandemia abbia favorito l'attaccamento agli animali da compagnia.

Qualcosa di buono doveva avere la pandemia, non credi?