Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Attacco a Vienna: ecco perché il web si riempie di foto di gatti

gatti sdraiati cat-serious

Le foto di gatti dopo l'attentato di Vienna hanno una spiegazione.

© Twitter @moivalerielp

Un attacco terroristico ha sconvolto Vienna e i colpevoli sono ancora ricercati. Così, il web si riempie di gatti e il motivo è ben preciso.

Di Nina Segatori

Pubblicato il 03/11/20, 10:31

Ore di terrore a Vienna, sconvolta da attentatori che hanno colpito in sei punti diversi la città. Le immagini sono terribili e i colpevoli sono ancora ricercati. Così, come accade sempre in situazioni simili, il web si è riempito di immagini di gattini.

Lo scopo è duplice: nascondere l'orrore e aiutare i poliziotti nelle indagini, evitando di rendere ben visibili agli attentatori video pieni di dettagli utili per scappare, postati dagli internauti.

Gatti e attentati

Era successo anche in occasione dell'attentato di Strasburgo, in Francia, nel dicembre del 2018. Twitter era diventato il regno dei gatti, che postati con l'hashtag che rimandava all'episodio, hanno funzionato come diversivo.

Lo stesso sta accandendo in queste ore dopo gli attentati di Vienna. Tantissime immagini di gattini stanno interrompendo la carrellata di video che mostrano la città martoriata, in modo che cercando sotto #Vienna non ci si ritrovi in una bacheca dell'orrore.

Aiuto alle indagini

Non solo, lo scopo principale di questa particolare mossa è soprattutto quello di aiutare le forze dell'ordine nelle indagini, evitando di ostacolare il loro lavoro.

Ogni video o news postata può essere utile agli attentatori per fuggire o per capire in che direzione stiano lavorando gli agenti e questo potrebbe favorire una più facile fuga.

Grazie ai gattini, invece, il feed compare confusionario e in grado di depistarli. Un modo intelligente e tenero per sconfiggere il male.