Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

USA: un cane si candida alla presidenza «Perché la gente fa pena!»

due-persone-con-in-braccio-un-cane-e-cartello dog-wow

Oliver e la corsa alla presidenza.

© Facebook @WCTI NewsChannel 12

C’è un nuovo candidato alle elezioni presidenziali americane, è Oliver Winston Churchill Finelli e il suo motto è «Votate un cane perché la gente fa pena!».

Di Coryse Farina

Pubblicato il 03/11/20, 16:00

Da alcuni giorni milioni di americani impazziscono per Oliver Winston Churchill Finelli, un Goldendoodle di appena due anni che sa già il fatto suo. 

Il cane, infatti, ha un grande obiettivo in mente: vincere le elezioni presidenziali americane.

Un obiettivo ambizioso certo, ma per alcuni americani nemmeno troppo inverosimile visto chi c’è già al governo.

Scopri tutte le razze di cani meticci: i Goldendoodle e gli incroci più simpatici

Un cane presidente

Un po’ come la storia di Incitatus, il cavallo di Caligola nominato senatore per dimostrare a tutti che anche un cavallo avrebbe potuto fare di meglio al governo, l’ironia di molti americani ha scelto Oliver Winston Churchill Finell allo stesso scopo.

Il cane, grazie ai suoi due proprietari David e Marcee Finelli, è diventato famoso in tutto il paese proprio per la sua corsa alla presidenza.

Con fierezza mostra alle telecamere di diversi canali tv americani il suo divertente e allo stesso tempo pungente slogan «Votate un cane perché la gente fa pena!» e senza esitare presenta anche la sua First Lady, una cagnolina di nome Pepper che vive dall’altra parte della strada.

 

Oliver Winston Churchill Finelli, 2, a golden doodle running on the Independent ticket, is asking for your vote this November. https://bit.ly/2FKRYtI

Posted by WCTI NewsChannel 12 on Saturday, October 24, 2020

Un messaggio ironico e divertente

A Fall River, nel Massachusetts, Oliver è dunque la nuova mascotte.

Tutti si divertono a fotografare i suoi cartelli presidenziali appesi davanti casa e sorridono per questa stramba ma simpatica storiella.

Anche se i proprietari del cane sostengono di non aver nessuna ideologia politica in particolare, questa finta campagna presidenziale fa sicuramente discutere.